Smog, Legambiente: “Solo il 15% delle città ha un voto sufficiente”

I dati del rapporto Legambiente che analizza l’inquinamento atmosferico (2014-18) secondo i parametri Oms boccia Torino, Roma, Palermo, Milano e Como

Smog Legambiente (foto dal web)
Smog Legambiente (foto dal web)

Secondo l’ultimo studio “Mal’Aria” condotto da Legambiente, l’85% delle 97 città italiane analizzate sono molto inquinate: maglie nere per Torino, Roma, Palermo, Milano e Como, che prendono un voto pari a zero. “Solo il 15% delle città – scrive l’associazione ambientalista – ha raggiunto nei cinque anni un voto sufficiente”.

LEGGI ANCHE -> Scivola nell’acqua e muore. È l’amico 86enne a lanciare l’allarme

Al primo posto per qualità dell’aria si piazza “Sassari (voto 9) – in quanto dal 2014 al 2018 ha sempre rispettato i limiti previsti dall’Oms per le polveri sottili e per il biossido di azoto – Macerata (voto 8), Enna, Campobasso, Catanzaro, Grosseto, Nuoro, Verbania e Viterbo (voto 7), L’Aquila, Aosta, Belluno, Bolzano, Gorizia e Trapani (voto 6)”.

Il report analizza l’inquinamento con i dati dal 2014 al 2018, tenendo in considerazione i valori dell’Organizzazione mondiale della sanità. Legambiente ritiene che la situazione sia “una piaga dei nostri tempi che ogni anno causa, solo in Italia, 60mila morti premature e ingenti costi sanitari”.

Zampetti, “Il Governo scelga la riconversione ecologica dell’economia italiana”

Smog Legambiente (foto dal web)
Smog Legambiente (foto dal web)

Giorgio Zampetti, direttore generale di Legambiente spiega: “Bisogna avere coraggio e coerenza definendo le priorità da affrontare e finanziare. Le città sono al centro di questa sfida. Il governo italiano, grazie al Recovery fund, ha un’occasione irripetibile per modernizzare davvero il Paese, scegliendo la strada della lotta alla crisi climatica e della riconversione ecologica dell’economia italiana”.

Coraggio e pugno forte che è mancato ad Emilia-Romagna, Lombardia, Piemonte e Veneto che hanno deciso di rimandare al prossimo anno il blocco alla circolazione dei mezzi più vecchi e inquinanti Euro4, quando invece il blocco sarebbe dovuto scattare questo primo ottobre nelle città con più di 30mila abitanti.

Smog Legambiente (foto dal web)
Smog Legambiente (foto dal web)

La situazione smog e inquinamento è fuori controllo a Milano, dove il mancato rispetto di emissioni di biossido di azoto dei vecioli a diesel ha portato ad un aumento di 568 decessi. Legambiente propone come soluzione di bloccare tutti i veicoli diesel troppo inquinanti, persino gli euro6C venduti sino ad agosto 2019.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale, seguici sulle nostre pagine Facebook,Instagram e Twitter