Valentina Pitzalis, la fine di un incubo durato nove anni

Valentina Pitzalis non dovrà più preoccuparsi dell’indagine per omicidio volontario nei confronti dell’ex marito: finalmente è stata archiviata l’accusa

Valentina Pitzalis (foto dal web)
Valentina Pitzalis (foto dal web)

18 aprile 2011, Valentina Pitzalis era rimasta sfigurata a seguito nell’incendio della sua abitazione nel quale morì l’ex marito 27enne Manuel Piredda. A seguito dell’esposto della famiglia dell’uomo, la Procura di Cagliari l’aveva indagata per omicidio colposo e per il rogo avvenuto a Bacu Abis, nel Sulcis.

LEGGI ANCHE -> Bambino suicida a Napoli, l’intenzione inquietante dei compagni di classe

Dopo tre anni di indagine e dopo un lunghissimo incidente probatorio, il procuratore aggiunto Gilberto Ganassi ha chiesto l’archiviazione per Valentina Pitzalis – poi accolta dal giudice per le indagini preliminari Maria Gabriella Muscas – convinto che la donna sia scampata invece ad un tentativo di aggressione col fuoco da parte di Piredda da cui si era separata. La bella notizia ci arriva direttamente dalla pagina Instagram di Valentina che comunica la vittoria con un video davvero encomiabile.

Cosa è successo a Valentina Pitzalis

 

Visualizza questo post su Instagram

 

L’incubo è finito. ❤😭 #valentinapitzalis #nessunopuotogliertiilsorriso #giustiziaèfatta

Un post condiviso da Valentina Pitzalis (@valentinapitzalisreal) in data:

Il 5 luglio 2017 Valentina Pitzalis viene indagata per omicidio e incendio doloso. La famiglia di Piredda però non crede ai fatti e accusa la ragazza numerose volte. Selvaggia Lucarelli su Fatto Quotidiano all’epoca spiegò che la madre di Piredda aprì anche apre una serie di pagine Facebook con migliaia di follower invitandoli “a tempestare di mail chiunque invitasse Valentina in tv”.

LEGGI ANCHE -> Muore a 24 anni stroncato dal male in pochi mesi

Manuel Piredda è stato dimostrato che quel 18 aprile 2011 si dà fuoco e vuole uccidere anche la ex moglie. Valentina però, dopo essere stata avvolta dalle fiamme per venti interminabili minuti viene soccorsa dai pompieri che la trovano in condizioni disumane che la costringeranno a interventi chirurgici e terapie massacranti. Valentina si trova il volto sfigurato (il fuoco le ha portato via le orecchie e il naso) e perderà la mano destra.

Valentina Pitzalis (foto dal web)
Valentina Pitzalis (foto dal web

Valentina poteva essere una delle tante vittime di femminicidio, donne uccise in maniera brutale dai partner o dagli ex compagni. Le sue ferite diventano una testimonianza della violenza degli uomini sulle donne, ne è anche uscito un meraviglioso libro di coraggio per tutti “Nessuno può toglierti il sorriso”.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale, seguici anche sulle nostre pagine Facebook, Instagram e Twitter.