Covid-19, Galli: “Stiamo rischiando di fare un passo indietro, necessarie nuove misure”

Il Professor Massimo Galli si è espresso in merito all’attuale quadro epidemiologico, il quale a suo avviso richiederebbe l’adozione di nuove misure anti Covid-19.

Coronavirus
(Getty Images)

La circostanza per cui in Paesi limitrofi la situazione epidemiologica sia nettamente peggiore rispetto a quella italiana, non costituisce per il Bel Paese una sorta di esimente. I numeri parlano chiaro, i casi di contagio sono in netta risalita ed il timore è sempre il medesimo, ossia che si ritorni a sei mesi fa, quando tutto è cominciato.

Lo ribadisce anche Massimo Galli il quale ha affermato che il rischio è proprio quello e che, a suo avviso, serve l’adozione di nuove ed ulteriori misure di contenimento.

Leggi anche —> Covid, la testimonianza dell’unico italiano nel laboratorio di Wuhan

Covid-19, Massimo Galli: “Rischio di tornare a marzo, serve un urgente intervento

Massimo Galli
Il professor Massimo Galli durante la trasmissione Agorà (screenshot)

Stiamo rischiando di fare un passo indietro e rivivere una situazione come quella di marzo” queste la parole di Massimo Galli, primario del Sacco di Milano, intervenuto in collegamento ad Agorà, trasmissione in onda su Rai 3. Per il Professore è necessario, dunque, agire con rapidità e risolutezza sì da scongiurare il peggio.

A parlare sono i numeri, che quotidianamente mostrano una risalita. “Siamo in preoccupante salita, basta un’analisi elementare per comprenderlo. Il trend – riferisce Galli ad Agoràè in chiara ascesa e ciò impone l’obbligo di prendere provvedimenti. L’andamento è preoccupante“.

Per il professore la causa di questo drastico peggioramento sarebbe da rinvenirsi nella leggerezza operata durante il periodo estivo. In particolare, i giovani riferisce Galli si sarebbero lasciati andare ad atteggiamenti irresponsabili, ammassandosi nei locali chiusi.  L’estate ha, quindi, riportato scompiglio all’interno del quadro epidemiologico, adesso bisogna scongiurare la possibilità che l’Italia registri i numeri della Francia e della Spagna. Come? Attuando urgenti misure.

Il professor Massimo Galli ha, infine, affermato che l’attuale momento potrebbe portare ad un futuro drammatico. Il problema è che adesso non si possono richiudere scuole ed esercizi commerciali. Bisogna convivere con il Covid-19.

Leggi anche— > Covid-19, il bollettino del 4 ottobre: aumentano le terapie intensive


Un intervento, quello del Professor Massimo Galli che lascia ben comprendere come l’attuale quadro presenti non poche criticità. In primis, il fatto che i numeri non siano i medesimi dei Paesi limitrofi non escludono la possibilità di un’escalation se non verranno attuate le giuste ed urgenti misure.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale, seguici anche sulle nostre pagine Facebook, Instagram e Twitter.