Covid, le parole di Azzolina: i numeri dei contagi nelle scuole

Covid, la ministra Azzolina si esprime in merito ai dati dei contagi nelle scuole: 1.492 studenti positivi e 349 professori

Lucia Azzolina
Lucia Azzolina (foto da Getty Images)

Fin dall’inizio delle lezioni, il 14 settembre scorso, si sono subito puntati i riflettori sulla situazione delle scuole. Una ripartenza incerta e tanto temuta, che ha creato agitazione in moltissime famiglie italiane. E la preoccupazione era ben fondata: dagli ultimi dati emersi, sono risultati positivi 1.492 studenti, 349 prof e 116 non docenti.
La situazione resta da monitorare.

LEGGI ANCHE> Covid 19 e nuovo lockdown, Giuseppe Conte svela tutto

Positivi a scuola: le dichiarazioni di Lucia Azzolina

La ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina, in un recente comunicato pubblicato su Instagram, dichiara di aver valutato la situazione consultandosi con l’Istituto Superiore di Sanità e col Comitato tecnico Scientifico. “Restiamo molto prudenti ma al momento i dati sono positivi e questo ovviamente è confortante per tutti“. La Azzolina prosegue poi chiarendo di non abbassare assolutamente la guardia, specialmente nel prima e dopo scuola: “Se vogliamo proteggere le scuole dobbiamo essere molto attenti e responsabili soprattutto prima e dopo l’orario scolastico“.

Stando ai dati, che sono stati monitorati e rilasciati dal Ministero dell’Istruzione, la scuola non sembra aver avuto un grande impatto nell’aumento dei contagi – oggi si sono registrati 2.257 nuovi contagiati e 16 morti. La ministra Azzolina non si è quindi mostrata allarmata, pur sottolineando la necessità di adottare sempre le misure di prevenzione, così come previste dall’ultimo decreto.  Ed in merito alle scuole, prosegue dicendo: “Nelle prime due settimane di lezioni, dal 14 al 26 settembre, il personale docente che risulta contagiato è lo 0,047% del totale (349 casi di positività); lo 0,059% (116 casi) è la percentuale che riguarda il personale non docente, mentre per gli studenti la percentuale è dello 0,021% (1.492 casi)“.

View this post on Instagram

Oggi è la Giornata mondiale degli insegnanti, che quest’anno celebra la capacità dimostrata dai docenti di tutto il mondo di continuare a garantire il diritto all’istruzione a tutte le studentesse e agli studenti anche durante l’emergenza sanitaria. I rappresentanti dell’UNESCO, nella loro dichiarazione congiunta di quest'anno, hanno ringraziato gli insegnanti anche per la capacità di trovare soluzioni didattiche innovative durante la crisi. Non posso che unirmi al loro messaggio. In queste settimane i docenti hanno un compito altrettanto importante, quello di supportare ragazze e ragazzi nel rispetto delle regole. Questo ci consentirà di stare a scuola in sicurezza. I dati ci dicono che, ancora una volta, stanno facendo un ottimo lavoro. Grazie a loro e insieme a loro stiamo affrontando questo periodo difficile, e insieme progetteremo, guardando oltre questa crisi, la scuola del futuro.

A post shared by Lucia Azzolina (@luciaazzolina) on

A fronte degli allarmismi, la ministra dell’Istruzione chiarisce che, nonostante i contagi all’interno delle scuole siano avvenuti, si tratta di casi sporadici, e perlopiù di contagi che sono avvenuti al di fuori del contesto scolastico. “Il sistema scolastico sta tenendo, e sta tenendo perché si è attrezzato“.
Tuttavia, ribadisce la Azzolina, “è necessaria molta più prudenza“.

LEGGI ANCHE> Salvini attacca Azzolina con un video, ma il web lo smaschera: È del 2017

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale, seguici anche su sulle nostre pagine Facebook, Instagram e Twitter