Coronavirus, sul vaccino l’Oms annuncia una nuova data

L’arrivo del vaccino contro il coronavirus secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità potrebbe essere più vicino del previsto

Oms
Il direttore generale dell’Oms Tedros Adhanom Ghebreyesus (Getty Images)

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ritorna a parlare di vaccino contro il coronavirus e del suo possibile arrivo sul mercato per un utilizzo effettivo ed ufficiale. Il vaccino è la soluzione che si cerca e si aspetta ormai da mesi, l’unico al momento che consentirebbe di frenare l’avanzata del Covid-19.

Moltissimi Paesi al mondo ci stanno lavorando e molte sono state le date annunciate per una possibile somministrazione. Ora però è l’Oms che accorcia i tempi e tramite il suo direttore generale Tedros Adhanom Ghebreyesus lancia la nuova data sul futuro de vaccino.

“C’è la speranza che entro la fine di quest’anno potremo avere un vaccino”. Questo l’annuncio del direttore al termine di una riunione di due giorni del comitato esecutivo dell’organismo internazionale.

LEGGI ANCHE –> Covid-19, il bollettino del 6 ottobre: oltre 2.600 nuovi casi di contagio

Coronavirus, dubbi e precisazioni sul vaccino

covid-19 Un vaccino sperimentale in Brasile, al via le iniezioni ai volontari
Vaccino (foto Unsplash)

Al momento sono circa 40 vaccini che sono allo studio in tutto il mondo, compreso quello sviluppato dall’Università di Oxford che è già in una fase avanzata di test. Da parte del numero uno dell’Oms non c’è stata nessuna spiegazione su quale potrebbe essere tra questi 40 vaccini che si trovano sottoposti a studi clinici quello che è in dirittura d’arrivo.

Nel mentre però l’Oms è già pronta per sostenere la popolazione di tutto il mondo all’uso del vaccino. Ha già messo in campo il programma Covax per fornire a tutti i Paesi un accesso equo ai vaccini una volta approvati.

C’è da precisare, però, come hanno più detto gli studiosi che il vaccino sì è essenziale ma non risolverà immediatamente i problemi nati in seno al coronavirus. La scienza ha bisogno di tempo e anche se il vaccino sarà pronto a fine anno ci sarà bisogno poi di altro tempo per produrlo, distribuirlo e somministrarlo su scala mondiale.

LEGGI ANCHE –> Covid-19, il virologo Crisanti: “I provvedimenti del Governo? Giusti”

Coronavirus Oms
Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore Oms (GettyImages)

Ecco perché il direttore dell’Oms ha detto ancora una volta che il mondo ha bisogno di utilizzare “tutti gli strumenti a portata di mano” per cercare di debellare la pandemia ed il vaccino è solo uno.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale, seguici anche sulle nostre pagine Facebook, Instagram e Twitter.