Spiaggia di Khalaktyrsky. Un disastro ambientale insabbiato?

In Russia nella spiaggia di Khalaktyrsky un misterioso contaminante sta provocando la morte di molti animali e malesseri per i bagnanti e i surfisti

Un tratto di mare inquinato in Russia sta causando un’improvvisa moria di animali, oltre a malesseri tra i bagnanti, surfisti in primis. Nella famosa spiaggia di Khalaktyrsky – una striscia di sabbia nera vulcanica di 30 chilometri situata poco lontano dal capoluogo della regione Petropavlovsk-Kamchatskij – le acque sono diventate gialle e decine animali morti si sono riversati sulla riva, probabile una fuoriuscita di petrolio, anche se non vi sono prove certe al momento.

LEGGI ANCHE -> Smog, Legambiente: “Solo il 15% delle città ha un voto sufficiente”

I bagnanti segnalano nausea, vomito e capogiri, per alcuni surfisti si sarebbe addirittura reso necessario il ricovero in ospedale. Nessuno ne parla, i social tacciono, ma in Russia si sta consumando un disastro ambientale di cui non si conosce l’origine e l’effettiva gravità.

I primi a lanciare l’allarme sono stati proprio i surfisti che frequentano abitualmente quelle spiagge. “Ho notato che l’oceano aveva un sapore strano e non odorava come al solito. Mi facevano male gli occhi, avevo la gola secca e irritata e il mio corpo prudeva orribilmente”, ha detto a DW Anton Morozov, fondatore della scuola di surf locale, Snowave.

Eccesso di prodotti petroliferi 4 volte più alti dei limiti

Il surfista e il suo team hanno notato per la prima volta i sintomi all’inizio di settembre, ma non li hanno associati al mare fino alla fine del mese, quando li hanno segnalati alle autorità governative. Da allora, le immagini di tutti gli animali morti a riva, polpi, foche, ricci di mare e stelle marine sono state condivise sui social media. La contaminazione sembra aver colpito maggiormente esemplari di piccole e medie dimensioni che sono poi stati trasportati dalle correnti sulle spiagge, concretizzando a tutti gli effetti quella che sembra una vera e propria ecatombe marina.

LEGGI ANCHE -> Coronavirus, sul vaccino l’Oms annuncia una nuova data

Il governatore della regione Vladimir Solodov ha ordinato agli esperti del Centro idrometeorologico e del ministero per l’Ambiente locali di condurre dei saggi dell’acqua. Dopo le continue pressioni mediatiche da parte delle associazioni surfiste e di Greenpeace Russia, il Ministro delle Risorse Naturali e dell’ecologia Aleksey Kumarkov ha fatto sapere che gli esperti hanno riscontrato un eccesso di prodotti petroliferi, quattro volte più alti dei limiti e 2,5 volte di fenolo e altre sostanze.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Камчатка. Авачинская Бухта. Маленькая бухточка Безымянная. Ровно 4 дня назад @lefffu именно там сняла свое видео, которое я опубликовала на своей странице. Это видео снято сегодня утром. Жуткий запах. Мой товарищ нырял сегодня в двух местах. Чуть позже выложу видео, что он там увидел. Сегодня мы на моторной лодке с ним посетили 4 места. Бухта Станицкого, Безымянная, район бухты Гротовой (как раз на выходе из бухты в Тихий Океан), бухту Шлюпочную. Последняя находится на другой стороне Авачинской бухты. Последствия, конечно, видны везде. Местами у берега цвет воды очень мутный, визуально видно границу где вода чище. На берегу Безымянной и Шлюпочной выброшены морские ежи, животные, крабы, рыбы. #спаститихий #safetheocean #kamchatka #pacificocean @_svetlana__radionova_ @greenpeace @greenpeaceru @snowave_kamchatka @lefffu @yuridud.life @yurydud

Un post condiviso da Kristy Fury (@kristy_rozenberg) in data:

L’entità dell’inquinamento non è stata ancora determinata, ma il fatto che animali morti siano stati trovati su tutta la costa conferma la gravità della situazione e l’immenso impatto che il disastro sta avendo su tutto l’ecosistema.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale, seguici sulle nostre pagine Facebook,Instagram e Twitter