Sparatoria davanti la pizzeria di famiglia: ragazzo di 23 anni ferito gravemente

Un ragazzo di 23 anni è rimasto ferito gravemente da alcuni colpi d’arma da fuoco esplosi davanti alla pizzeria di famiglia a Brindisi.

Polizia e Ambulanza
(foto dal web)

Paura a Brindisi, dove nella serata di ieri, un ragazzo di 23 anni è stato ferito a colpi d’arma da fuoco mentre si trovava nella pizzeria di famiglia. Secondo quanto ricostruito sino ad ora, due uomini con il volto coperto dal casco sono arrivati in moto davanti all’esercizio commerciale ed uno di questi, sceso dal mezzo a due ruote, ha aperto il fuoco sparando diversi colpi, due dei quali hanno raggiunto il 23enne. Sul posto sono arrivati i soccorsi del 118 che hanno prestato le prime cure al giovane e lo hanno trasportato in ospedale, dove è arrivato in gravi condizioni ed è stato sottoposto ad un intervento chirurgico. Sull’agguato stanno indagando gli agenti della Polizia giunti sul posto per i primi accertamenti del caso.

Leggi anche —> Tragico schianto in moto: muore ragazza 22enne, grave il fidanzato

Brindisi, sparatoria davanti ad una pizzeria: ferito gravemente un ragazzo di 23 anni

omicidio-suicidio Ambulanza
Ambulanza (foto dal web)

Un ragazzo di 23 anni è stato ferito gravemente a colpi d’arma da fuoco nella serata di ieri, domenica 11 ottobre, mentre si trovava nella pizzeria di famiglia a Brindisi. Secondo quanto ricostruito sino ad ora, come riporta la stampa locale e la redazione di Fanpage, due uomini sarebbero giunti in moto davanti alla pizzeria ed uno, con il volto coperto da un casco integrale, ha aperto il fuoco sparando diversi colpi. Due proiettili hanno raggiunto il giovane, uno all’anca e l’altro allo stomaco.

Presso la pizzeria, sita nel rione Paradiso, sono arrivati in pochi minuti i sanitari del 118 che hanno prestato le prime cure al ragazzo e lo hanno trasportato d’urgenza all’ospedale Perrino di Brindisi, dove è stato sottoposto ad un intervento chirurgico. Considerate le condizioni della vittima, come riporta Fanpage, i medici hanno disposto il trasferimento presso l’ospedale “Vito Fazzi” di Lecce, dove ora è ricoverato in gravissime condizioni nel reparto di rianimazione.

Su quanto accaduto, la squadra mobile della polizia, giunta sul posto, ha avviato le indagini per ricostruire la dinamica dei fatti e rintracciare i responsabili dell’agguato. Al vaglio degli inquirenti, riferisce Fanpage, ci sono i filmati delle telecamere di sorveglianza poste in zona che potrebbero fornire ulteriori dettagli.

Leggi anche —> Trovato cadavere a Peschici, l’uomo era scomparso due settimane fa

Polizia
(Getty Images)

Al momento gli inquirenti non escludono nessuna ipotesi sul movente alla base della vicenda.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale, seguici anche sulle nostre pagine Facebook, Instagram e Twitter.