Mascherina obbligatoria all’aperto per l’attività motoria, le specifiche del Viminale

Mascherina obbligatorio all’aperto, quando indossarla e quando no. La circolare chiarisce le differenze tra attività motoria e sportiva

Covid-19 Lombardia
Ragazza con mascherina (foto Pixabay)

Mascherina all’aperto, ritorna ancora una volta il caos sulle disposizioni. Dopo le indicazioni del governo di indossare la mascherina sempre, oltre che al chiuso anche all’aperto, se in prossimità di persone che non sono conviventi, oltre a tante polemiche ha portato con sé un po’ di confusione.

Dal ministero dell’interno, infatti, era stato specificato che anche chi fa “attività motoria” all’aperto deve indossare obbligatoriamente la mascherina. Ecco che così sono iniziate le domande di perplessità: chi corre, chi va in bicicletta e chi si allena all’aperto dovrà indossare la mascherina? Nient’affatto.

Il Viminale nella circolare mandata ai Prefetti ha spiegato che “esenta dall’obbligo di utilizzo solo coloro che abbiano in corso l’attività sportiva e non quella motoria, non esonerata, invece, dall’obbligo in questione”. E anche su questa frase non sono mancati i dubbi.

LEGGI ANCHE –> Cts, svolta in Italia sui tamponi : cosa accadrà

Mascherina obbligatoria all’aperto, chi deve e chi non deve indossarla

Coronavirus
Ragazza con mascherina (getty images)

Il Viminale, infatti, distingue l’attività motoria da quella sportiva. La prima indica una mera passeggiata durante la quale è obbligatorio indossare la mascherina, a meno che non sia in un luogo isolato e in compagnia dei propri conviventi.

Per attività sportiva, invece, si indicano quelle attività come jogging, footing, andare in bicicletta, per allenamenti o spostamenti, per i quali non c’è l’obbligo di indossare la mascherina.

“Voglio precisare che non è cambiato nulla” ha chiarito al Corriere il prefetto Bruno Frattasi, capo di Gabinetto della ministra dell’Interno Luciana Lamorgese. La circolare, ha spiegato Frattasi, è stata diramata “per precisare l’interpretazione della legge”.

Il prefetto ha poi chiarito che nella circolare non si fa altro che ribadire che “nelle attività come la corsa in tutte le sue forme non c’è alcun obbligo di mascherina. Si tratta di attività sportive e quindi sono esonerate, anche a livello amatoriale. Peraltro prevedono un distanziamento di 2 metri tra le persone”.

LEGGI ANCHE –> Covid, nuovi focolai: a Torino un rave party con 300 persone

corsa dieta
Corsa (foto Pixabay)

In definitiva, dunque, la mascherina all’aperto va sempre indossata, anche quando si fa una passeggiata, a meno che non si faccia dell’attività sportiva come jogging, footing, andare in bicicletta e altro.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale, seguici anche sulle nostre pagine Facebook, Instagram e Twitter.