Interrogato per vandalismo, confessa un omicidio: aperte le indagini

Interrogato dalla polizia per un atto di vandalismo, un 50enne ha confessato l’omicidio della madre, avvenuto ben tre anni fa. Le dinamiche.

uomo confessa omicidio madre
Polizia (Getty Images)

È successo a Piovà Massaia, in provincia di Asti, dove un 50enne ha confessato di aver ucciso sua madre tre anni fa. L’uomo era stato convocato in caserma perché accusato di vandalismo, dopo che una ragazza aveva ritrovato la sua macchina fortemente danneggiata. Ad incastrarlo erano stati i filmati delle telecamere a circuito chiuso. Una volta sottoposto all’interrogatorio, tuttavia, è emersa una verità ben più sconcertante: un omicidio mai confessato ai danni della madre. La procura ha immediatamente aperto un indagine ed è stato chiesto di riesumare la salma per poterla sottoporre all’analisi del medico legale. Nel frattempo si indaga dietro le motivazioni del folle gesto.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Caso Giorgio Medaglia, la dichiarazione shock della madre

Fermato dai carabinieri, confessa l’omicidio della madre

Uomo confessa micio della madre
Polizia (Photo by Emanuele Cremaschi/Getty Images)

Secondo quanto riportato dai quotidiani piemontesi, dietro l’omicidio della donna (90 anni, vedova) si celerebbe il desiderio del figlio di porre fine alle sue sofferenze. In base a quanto confessato dall’uomo ai carabinieri, le condizioni della donna si erano fortemente aggravate nel corso dell’ultimo anno. L’anziana signora era già stata ricoverata cinque volte nel corso degli ultimi mesi e stentava a sopravvivere in maniera dignitosa. Per questo, ha sostenuto l’uomo, avrebbe preferito ucciderla lui stesso, soffocandola nel sonno con un cuscino. Prima di farlo, tuttavia, l’avrebbe imbottita di sedativi.

uomo confessa omicidio madre Asti
Ambulanza (foto dal web)

Sempre secondo quanto riferito dall’uomo alla polizia, l’atto vandalico sarebbe stato un modo per “farsi trovare” dalle Forze dell’ordine. L’operaio avrebbe infatti provato diverse volte a costituirsi, tirandosi alla fine indietro, spinto dal rimorso o dal timore.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Coronavirus, il bollettino del 13 ottobre: i numeri dell’epidemia

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter