Viviana Parisi e Gioele. Nuovi indizi suggeriscono altre ipotesi

Viviana Parisi e Gioele. Ancora mistero sulle modalità del decesso della dj e del figlioletto di Venetico (ME). Trapelano nuove informazioni

Gioele Viviana Parisi (Foto dal web)
Gioele Viviana Parisi (Foto dal web)

Sono passati quasi tre mesi dalla morte della dj Viviana Parisi e di suo figlio, il piccolo Gioele. Ancora mistero sulle cause certe che li ha portati a un così tragico destino.

Quello che si sa è che la donna si sarebbe allontanata dalla propria dimora sita a Venetico (provincia di Messina) per recarsi in un centro commerciale a Milazzo, imboccando l’autostrada Messina-Palermo a bordo di un’ Opel Corsa. E’ stata coinvolta in un incidente di debole entità a circa 100 km dal luogo in cui avrebbe dovuto trovarsi, ha preso in braccio il bambino e ha scavalcato il guardrail (secondo i testimoni). I loro corpi sono stati trovati a distanza l’uno dall’altro nelle campagne di Caronia.

LEGGI ANCHE> Tragico incidente in moto: giovane donna perde la vita sotto gli occhi del futuro marito

Viviana Parisi
Viviana Parisi (foto dal web)

La tesi più battuta al momento è che si sia trattato di un suicidio da parte di Viviana. In particolare, le forze dell’ordine hanno rinvenuto le sue spoglie a 3 metri da un alto traliccio. Si pensava che potesse essersi gettata da lì e spostata successivamente da animali selvatici che imperversano in quella zona. A supporto di ciò su un polso ci sono segni compatibili con un morso. Possa essere stata effettivamente l’aggressione degli animali la causa effettiva del decesso? Il bambino è morto nell’incidente d’auto o in seguito?

Ancora domande senza risposta ma la polizia scientifica rivela un particolare importantissimo. Le impronte sul traliccio di contrada Sorba non sono di Viviana Parisi, 43 anni. A quanto riscontrato dai rilievi, le tracce  “non sono di natura biologica”. Si allontana così la tesi del suicidio.

La faccenda rimane ancora un mistero.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale, seguici anche sulle nostre pagine Facebook, Instagram e Twitter.