Hyundai Kona, potrebbe salire il numero delle unità richiamate dal mercato

A breve, le unità delle Hyundai Kona richiamate dal mercato per un difetto alla batteria potrebbero salire da oltre 25mila a circa 77mila.

Hyundai Kona Electric
Hyundai Kona Electric (Getty Images)

Sale il numero delle Hyundai Kona elettriche ritirate dal mercato per un presunto difetto di fabbrica che farebbe rischiare al veicolo di prendere fuoco. Nei giorni scorsi era stato comunicato che i modelli ritirati erano 25mila e riguardavano solo veicoli venduti in Corea del Sud, ma sembra che a breve questo numero salirà a circa 77mila estendendo il richiamo anche all’Europa e agli Stati Uniti. La decisione sarebbe maturata in seguito ad alcuni casi di incendio che avrebbero visto coinvolte 16 Kona dal 2018 in tutto il mondo.

Leggi anche —> Farmaco pericoloso ritirato dal mercato: “effetti collaterali rilevanti”

Hyundai Kona, potrebbe salire il numero delle unità richiamate dal mercato: si parla di circa 77mila modelli

Hyundai Kona Electric
(Getty Images)

La scorsa settimana la Hyundai Motor aveva deciso di richiamare dal 16 ottobre in Corea del Sud ben 25.564 Kona EV prodotte tra settembre 2017 e marzo 2020. Il motivo del richiamo sarebbe legato ad un difetto di fabbrica delle batterie ad alta tensione del suv compatto, prodotte dall’azienda LG Chem, che potrebbero portare ad un cortocircuito con il rischio di incendio. La decisione era scattata dopo la segnalazione di 16 Kona che avrebbero preso fuoco dal 2018 ad oggi in tutto il mondo.

Adesso, come riporta l’agenzia di stampa sudcoreana Yonhap, il richiamo potrebbe estendersi anche all’Europa e agli Stati Uniti facendo salire il numero dei modelli ritirati da 25.564 a circa 77mila. Nel dettaglio, la nota casa automobilistica richiamerà oltre 37mila unità in Europa e 11mila in Nord America ed oltre 3mila vendute in altri paesi. Il richiamo verrà effettuato a titolo gratuito e la Hyundai provvederà ad un aggiornamento software e, se necessario, alla sostituzione della batteria.

Intanto l’azienda LG Chem ha spiegato che le celle della batteria prodotta ed installata sulle Hyundai non sarebbero la causa degli incendi registrati in questi anni che deve essere ancora determinata con esattezza. La LG Chem collaborerà, come riferisce la Yonhap, per risalire alle cause degli incendi in questione.

Leggi anche —> AIFA, disinfettante ritirato dal commercio farmaceutico

Hyundai Kona Electric
(Getty Images)

Se il numero dei suv ritirati dovesse realmente salire a 77mila sarebbe un duro colpo per la casa coreana, dato che si parla di circa il 75% delle vendite complessive del suv compatto che a giungo aveva superato le 103mila unità.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale, seguici anche sulle nostre pagine Facebook, Instagram e Twitter.