Coronavirus, il vaccino cinese è sicuro e stimola gli anticorpi

Le evidenze della sperimentazione confermano che il vaccino cinese contro il coronavirus funziona. Oltre 600 i volontari che si sono sottoposti ai test  

Vaccino
(Getty Images)

Il vaccino cinese contro il coronavirus è sicuro. Queste le prime evidenza dimostrate attraverso la sperimentazione. Si tratta del “BBIBP-CorV”, candidato a essere l’anti-Covid per eccellenza che è stato prodotto utilizzando l’intero virus SarsCov2 inattivato. Secondo i primi riscontri, inoltre, indurrebbe anche una risposta immunitaria nei volontari sani che si sono sottoposti alla sperimentazione.

Tutto questo è spiegato dai risultati preliminari della sperimentazione di fase 1-2 del vaccino cinese che ha coinvolto oltre 600 volontari di diverse età, dai 18 agli 80 anni. I lavori di sperimentazione sono stati svolti tutti in Cina dal 29 aprile al 30 luglio 2020 ed i dati sono stati tutti positivi.

Lo studio ha infatti evidenziato che gli anticorpi al virus si sono sviluppati in tutti i volontari entro il 42esimo giorno dopo la vaccinazione. Immunitari dunque tutte le persone sane che si sono vaccinate. Questi importanti dati dello studio cinese sono stati pubblicati sulla rivista “The Lancet Infectious Diseases”.

LEGGI ANCHE –> Chiusura Scuole in Campania, Giuseppe Conte: “Non è la soluzione giusta, è solo la più facile”

Coronavirus, il vaccino importabte per gli anziani

vaccino
Vaccino (Getty Images)

Notizie dunque incoraggianti sul fronte dei vaccini. Se ne stanno studiando molti in tutto il mondo. La corsa alla cura contro il coronavirus è folle, tutti la cercano e la vogliono ma i tempi della scienza e della ricerca non sono brevi.

Ora la sperimentazione condotta da varie istituzioni sanitarie cinesi tra cui lo Henan Provincial Center for Disease Control and Prevention e il Beijing Institute of Biological Products dà buone speranze.

Molto importante in questo studio è la risposta anticorporale, non uguale per tutti. Gli anziani, infatti, hanno bisogno di più tempo rispetto ai giovani. Nello specifico, è emerso dallo studio che i volontari dai 60 anni in su impiegano più tempo per sviluppare gli anticorpi contro il Covid-19. In media 42 giorni dopo la vaccinazione, rispetto ai 28 giorni dei volontari di età minore.

LEGGI ANCHE –> Federica Pellegrini positiva al Covid, l’annuncio in lacrime in un VIDEO

Vaccino Covid
Vaccino Covid (foto dal web)

Ecco perché gli studiosi precisano che la protezione degli anziani è fondamentale, “un obiettivo chiave per un vaccino anti-Covid efficace poiché questo gruppo è a maggior rischio – ha spiegato Xiaoming Yang, uno degli autori dello studio – E’ quindi incoraggiante che questo vaccino induca risposte anticorpali anche negli anziani over-60 e oltre”.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale, seguici anche sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter.