Covid, il vaccino Usa Pfizer non prima di metà novembre

Pfizer, richiesta ok per il vaccino Covid in Usa per la terza settimana novembre. “Procediamo alla velocità della scienza”

vaccino
Vaccino (Getty Images)

L’amministratore delegato di Pfizer ha dichiarato venerdì che la società non richiederà l’autorizzazione di emergenza per il suo vaccino contro il coronavirus prima della terza settimana di novembre. Ha  escluso l’affermazione del presidente Trump che un vaccino sarebbe pronto prima del giorno delle elezioni il 3 novembre. In una dichiarazione pubblicata sul sito web dell’azienda, l’amministratore delegato, il dott. Albert Bourla, ha affermato che sebbene Pfizer potrebbe avere numeri preliminari entro la fine di ottobre sul fatto che il vaccino funzioni, sarebbe comunque necessario raccogliere dati sulla sicurezza e sulla produzione che si allungherebbero la cronologia almeno alla terza settimana di novembre.

Leggi anche > Roma, 31 intubato in poco tempo

Vaccino Usa pronto a novembre

Vaccino Covid
Vaccino Covid (foto dal web)

Gli attenti osservatori della corsa ai vaccini sapevano già che Pfizer non sarebbe stata in grado di soddisfare i requisiti della Food and Drug Administration entro la fine di questo mese. Ma l’annuncio di venerdì rappresenta un cambio di tono per l’azienda e il suo leader. In tal modo, la società aveva allineato i suoi messaggi a quelli del presidente, che non ha nascosto il suo desiderio di un vaccino approvato prima delle elezioni. Il signor Trump ha persino individuato l’azienda per nome. Il dottor Eric Topol, esperto di sperimentazioni cliniche presso Scripps Research a San Diego, ha affermato che mentre i funzionari della Pfizer gli avevano assicurato che un vaccino probabilmente non sarebbe stato autorizzato prima delle elezioni, la lettera della società di venerdì era ancora più parte di qualsiasi macchinazione politica.

Leggi anche > Lombardia verso nuove restrizioni

Nel mese di settembre, la Pfizer è stata la forza trainante di un impegno di nove aziende produttrici di vaccini di non proporre nulla che non fosse stato adeguatamente controllato. All’inizio di questo mese, la Pfizer sempre ha pubblicato una lettera aperta ai dipendenti in cui affermava che “non avrebbe mai ceduto alle pressioni politiche” e ha espresso disappunto per il fatto che “ci troviamo nel bel mezzo delle elezioni presidenziali statunitensi”.

 

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter.