Papà single cresce da solo il figlio con sindrome di down, la storia di Evgenij Anisimov e Misha

Questa è la storia di Evgenij Ansimov e e il piccolo Misha. Un papà single cresce da solo il figlio con sindrome di down. La mamma è scappata

papà figlio down
Papà e figlio (foto dal web)

Questa è la storia di un bambino abbandonato dalla mamma perché incapace di accettare la sindrome di Down del figlio. Per la donna sarebbe dovuto finire dentro un istituto in grado di accudirlo, ma il padre ha deciso di prendersi cura del figlio anche senza l’aiuto della moglie. Così Evgenij Anisimov e il piccolo Misha, così si chiamano, ora vivono insieme e sono felici. L’uomo ha cercato di convincere in tutti i modi la donna a cambiare idea e quando lei lo ha messo alle strette lui le ha detto che poteva andarsene se voleva: avrebbe cresciuto lui il piccolo Misha, da solo.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE>>>Scontro frontale tra auto e pullman: muore un ragazzo di 22 anni

La storia di un padre e un bambino speciale

padre figlio
Padre e figlio (pixabay)

L’uomo ha deciso di raccontare la sua storia sui social affermando: “Non sono un eroe ma un papà normale”. Quando sono tornati a casa dalla clinica, erano solo loro due, ma ben presto hanno trovato intorno tantissime persone pronti ad aiutarli e a supportarli. C’è chi si è organizzato per trovare del latte materno, chi si è dato da fare per aiutare Evgenij ha imparare come si cura un neonato, come si fa il bagnetto. Ben presto Evgenij è diventato un papà esperto, aiutato anche dalla madre. Lui stesso si è messo a studiare per sapere tutto sulla sindrome di Down e come sostenere il suo bambino.

padre e figlio
padre e figlio (pixabay)

“Misha frequenta lezioni di nuoto ogni settimana da quando aveva cinque mesi. È costoso, ma molte persone ci aiutano – scrive su Instagram – Abbiamo anche iniziato la logopedia. Capisco che il futuro potrebbe portare più problemi, ma spero saremo in grado di superare tutto” Conclude.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale, seguici anche su sulle nostre pagine Facebook, Instagram e Twitter