Covid-19, le nuove restrizioni della Lombardia sono un mini lockdown

I numeri in Lombardia tornano a far preoccupare. Bar e ristoranti chiusi dalle 24 e dopo le 18 no a cibo e bevande fuori dai locali

covid-19 lombardia
ristorante (pixabay)

Da domani in Lombardia si cambia registro. Bar, pub e ristoranti chiusi alle 24 e in tali attività dopo le 18 il consumo di alimenti e bevande viene consentito esclusivamente ai tavoli. A stabilirlo è il governatore Attilio Fontana nella nuova ordinanza, il numero dei contagi è troppo elevato e si rischiano mini lockdown. Il provvedimento prevede anche lo stop alle competizioni sportive dilettantistiche che prevedano il contatto fisico e la chiusura di sale gioco, centri scommesse e bingo. Inoltre è vietato il consumo di alcol e alimenti sul suolo pubblico dalle 18 alle 6. L’ordinanza è valida su tutto il territorio regionale da domani fino al 6 novembre. 

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE>>>Zodiaco, quali sono i segni più veri e sinceri: scopri se sei tra questi

Covid-19, il resto d’Italia

covid-19
Esame Covid (foto dal web)

Intanto aumentano i contagi in tutta Italia, nelle ultime 24 ore si contano 10.010 nuovi positivi con un numero di tamponi pari a 150.000. A Palazzo Chigi si pensa già ad un’ulteriore stretta che cestinerebbe il decreto appena uscito. Conte è preoccupato per la seconda ondata e si è convinto che servano regole più dure, ma al tempo stesso proporzionate. Riconosce che i cittadini sono stanchi e vuole trovare una strategia diversa, che non prevede più il lockdown, ma chiusure localizzate. Sono molte le ipotesi da valutare: coprifuoco dopo le 22, smart working, provvedimenti per l’Istruzione, stretta sugli sport da contatto.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE>>>GF Vip: rivelata la storia d’amore di Guenda, Maria Teresa Ruta non approva la relazione

Covid-19
Covid-19 (foto dal web)

Le Regioni più colpite dall’aumento di casi sono la Lombardia con 2.419 casi in più, Campania con 1.261 e Piemonte  con 821.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale, seguici anche su sulle nostre pagine Facebook, Instagram e Twitter