Il colore e la forma delle feci dicono molto sulla nostra salute

E’ importante prestare attenzione a qualsiasi anomalia delle feci: un cambiamento nel colore può indicare una disfunzione del nostro corpo.

feci
feci (Clker-Free-Vector-Images/ pixabey)

Il nostro corpo ci invia segnali continui ed oggi vogliamo aiutarti a capire meglio gli indizi per capire come e quando si presentano anomalie negli escrementi. Le feci devono innanzitutto presentare un colore marrone né troppo chiaro né troppo scuro, per poter essere considerate nella norma. Anche la consistenza dev’essere densa ma non troppo. Le cause del cattivo odore, sono invece varie e possono essere dovute a: morbo di Crohn, fibrosi cistica, celiachia, malassorbimento. Nel caso però in cui all’odore siano associati altri sintomi è opportuno consultare un medico che possa dare indicazioni specifiche. Le caratteristiche riguardanti il colore dipendono principalmente da ciò che mangiamo e per avere i criteri nella norma è importante che si rispettino le quattro fasi del processo digestivo: Ingestione, quando gli alimenti vengono immessi nell’apparato digerente; digestione, il processo chimico durante il quale gli alimenti si trasformano in piccole molecole; assorbimento, quando le molecole attraversano il tubo digerente per arrivare al sangue ed essere distribuite agli organi; e l’escrezione, dove il corpo elimina i residui degli alimenti che non sono stati digeriti. La materia fecale viene espulsa dall’apparato digestivo tramite il retto. Le feci sono infatti composte dal 75% di acqua e dalla restante parte di batteri dei cibi che non possono essere digeriti insieme a sostanze eliminate dall’intestino. Il colore delle nostre feci può quindi essere influenzato da ciò che mangiamo, ma possiamo comunque tracciare delle linee importanti per riconoscere eventuali anomalie.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE>>>Alimentazione e sonno, cosa mangiare e cosa no alla sera

Colore delle feci

Nel caso in cui le nostre feci presentino un colore verdastro, una delle probabilità è che stiate assumendo un’ elevata quantità di clorofilla, presente nelle verdure, negli integratori di ferro o nei coloranti. Può succedere o che la bile non abbia avuto il tempo di disfarsi dei rifiuti e questi acquisiscano un colore verdognolo o che il transito nell’intestino e nel colon sia troppo veloce. La tonalità rossastra indica invece che è presente un sanguinamento dovuto ad ulcere, varici o gastrite nell’apparato digerente. Altre volte siamo invece di fronte al comune problema delle emorroidi o all’assunzione di alimenti che contengono coloranti come pomodori, barbabietola e mirtilli. Il colore tendente al giallo indica un eccesso di grasso, forse dovuto ad un disturbo di malassorbimento o celiachia. In casi più gravi indica malattie come l’epatite o anomalie del fegato. Per quanto riguarda le feci che presentano un colore nero, scuro, consigliamo di rivolgersi ad un medico. Tra le possibili cause è possibile il sanguinamento dell’apparato digerente superiore o l’accumulo di sangue coagulato. Quando le feci presentano un colore tendente al bianco, probabile ci sia un’irregolarità nel fegato o nella cistifellea. Possono essere infatti sintomo di epatite e cirrosi. Abbiamo delle feci “normali” quando la tonalità è color ocra, poiché si tratta del colore che acquisiscono a causa delle sostanze segregate dal fegato; o comunque quando si tratta di un colore tra il marroncino ed il verde non c’è da preoccuparsi. 

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE>>>Immunonutrizione: alimentazione che difende il sistema immunitario

Prendersi cura dell’alimentazione

Il cambiamento della consistenza o del colore delle feci può essere causato da un’infinità di ragioni. L’alimentazione però, eccetto nei casi in cui ci sia una patologia, può contribuire a migliorarne la qualità. Abbiamo già detto come sia importante il processo digestivo, ed uno dei nutrienti più importanti nel processo è appunto la fibra, che aiuta a combattere la stitichezza, riduce i livelli di colesterolo e previene la comparsa di cellule cancerogene nel colon. Meglio evitare i prodotti che non siano di origine vegetale o animali. I coloranti o le sostanze tossiche alterano il colore delle feci ed in più danneggiano la nostra salute. Importante poi includere alimenti probiotici nella vostra dieta. Lo yogurt ed alcuni integratori contengono batteri sani che favoriscono la digestione, mantenendo una corretta consistenza fecale. Per concludere ricordiamo come sia un passaggio estremamente fondamentale quello di masticare con calma gli alimenti. Le attività frenetiche della quotidianità spesso ci travolgono e non ci permettono di mangiare con tranquillità. Tutto questo influisce sulla digestione perché lo stomaco non riesce a decomporre tutto al 100%.  

spesa
spesa (gettyimages)

Attraverso semplici accortezze possiamo monitorare l’andamento dei nostri escrementi. Nella maggior parte dei casi i cambiamenti sono dovuti ai prodotti che consumiamo o ai coloranti presenti all’interno di essi. In casi diversi basta consultare uno specialista. Non allarmatevi, ma prevenite!