Pistoia, adolescente inscena una rapina: “I miei genitori non mi considerano”

A Pistoia, un’adolescente di 13 anni inscena una rapina per attirare l’attenzione dei genitori: “Non mi considerano”

Rapina
Rapina (Getty Images)

A fine settembre, un’adolescente di 13 anni, nel Pistoiese, ha chiamato allarmata i genitori per avvertirli di una rapina avvenuta in casa. I carabinieri di Montecatini Terme, intervenuti per indagare, hanno effettivamente trovato la casa sottosopra, nonostante la ragazza fosse illesa e dalla casa non fosse stato asportato nulla.
A qualche settimana di distanza, emerge la triste verità.

LEGGI ANCHE> Arrestata la banda che rapinava le abitazioni con la “tecnica dell’adesivo”

Finge una rapina per attirare i genitori: tutta la verità

Adolescente
Adolescente (web)

La ricostruzione del fatto, attuata dai carabinieri, ha portato alla luce quanto realmente accaduto. A fine settembre, la 13enne avrebbe chiamato terrorizzata i genitori, comunicando loro di aver subito una rapina: due uomini, penetrati in casa dopo aver infranto il vetro della finestra, l’avevano legata ed immobilizzata. Dopo aver rovistato ovunque, i rapinatori se ne sarebbero infine andati, senza farle alcun male.

I genitori, allarmati, hanno subito avvertito la polizia per effettuare i dovuti controlli. Già da una prima indagine, la vicenda è apparsa alquanto strana alle forze dell’ordine di Montecatini Terme: l’adolescente non aveva alcuna lesione, e la casa, pur sottosopra, non sembrava riportare alcun furto.

Polizia
Polizia (Getty Images)

In seguito, dalla deposizione della giovane – alla presenza dei genitori e di uno psicologo – sono emerse diverse lacune ed incongruenze: qualcosa, secondo i carabinieri, non tornava nel suo racconto. A distanza di qualche settimana, gli investigatori hanno ulteriormente ascoltato le dichiarazioni della giovane, facendo emergere la verità dei fatti: la 13enne aveva inscenato il tutto per attirare le attenzioni dei genitori.

I carabinieri hanno parlato di “elementi univoci circa la simulazione di reato realizzata dalla stessa“. La ragazzina, stando al resoconto, ha confessato di “aver inscenato tutto e raccontato bugie al solo scopo di attirare l’attenzione dei genitori, troppo impegnati a lavorare”. Un tentativo, quello della 13enne, di “conquistarsi” le attenzioni dei genitori, forse troppo indaffarati per dedicar lei del tempo.

La ragazza, avendo 13 anni, non è perseguibile dalla legge. Tuttavia, quanto accaduto verrà valutato dall’autorità giudiziaria di competenza.

LEGGI ANCHE> Sparatoria con la polizia nella notte: muore rapinatore di 17 anni

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale, seguici anche sulle nostre pagine Facebook, Instagram e Twitter