Il sindaco di Copenaghen si dimette, accusato di molestie sessuali

Travolto dalle accuse di molestie sessuali, lascia il sindaco di Copenaghen; centinaia di donne hanno denunciato il sessismo e le molestie

Sindaco Copenaghen

Nulla sembra poter fermare il movimento metoo, che ha investito la Danimarca dall’inizio di settembre. Dopo il leader del Partito social-liberale, il 7 ottobre, il sindaco di Copenhagen, Frank Jensen, in carica dal 2010, ha annunciato, lunedì 19 ottobre, che si dimette e abbandona la politica. Numero due del Partito socialdemocratico, è stato accusato, dal fine settimana, di azioni inappropriate contro diverse donne durante eventi pubblici. Al termine di un incontro convocato d’urgenza domenica, la dirigenza del partito a Copenaghen aveva rinnovato la sua fiducia in lui. In serata Frank Jensen aveva postato un lungo messaggio su Facebook, dove si è scusato con le donne. Ha riconosciuto di far parte di una cultura malsana, antica e radicata nel partito” ma si è impegnato a “mettere in atto i cambiamenti necessari”.

Leggi anche > Usa, precipita da venti piani

Il sindaco si dimette, molestie sessuali

Copenaghen

Le sue promesse non avevano convinto il movimento dei giovani socialdemocratici, che continuava a chiedere la sua partenza. Infine, Frank Jensen ha detto che la pressione esercitata dai media ha rischiato di mettere in ombra la sua azione politica e ha deciso di gettare la spugna, non senza denunciare, tuttavia, i tribunali del popolo. Tre anni fa, il movimento metoo si era appena affacciato in Danimarca, un paese spesso citato come esempio in termini di parità di genere. Poche donne avevano osato parlare. E quando lo facevano, le loro testimonianze venivano spesso messe in discussione, scoraggiando gli altri.

Leggi anche > Usa, bimbo si spara

Violenza
Violenza (foto da Getty Images)

Il 6 settembre, la conduttrice Sofie Linde, una star del piccolo schermo, ha rotto il silenzio su TV2. In una serata di gala, ha descritto il sessismo e le molestie sessuali che ha subito da quando ha iniziato la sua carriera. Poiché temevano che il dibattito sarebbe stato soffocato ancora una volta, sette giornalisti gli hanno scritto una lettera di sostegno, firmata da 1.615 donne.

 

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale, seguici anche sulle nostre pagine Facebook, Instagram e Twitter.