Covid 19 e il governatore che affronta la pandemia a testa alta

Covid-19, alcune regioni si preparano al coprifuoco altre sono ottimiste. Ecco come il governatore dell’Emilia affronta la pandemia

Mascherine Covid
Mascherine e personale sanitario (foto dal web)

Se in Lombardia e in Campania i cittadini si stanno preparando al coprifuoco, la regola non vale per l‘Emilia Romagna dove il governatore Bonaccini ha deciso di prendere questa seconda ondata con ottimismo, affermando: “Non bisogna farsi prendere dalla paura, ma siamo pronti a ulteriori restrizioni”. Così è escluso ogni tipo di lockdown. Intanto in Italia nelle ultime 24 ore i casi positivi sono aumentati di 8736 unità e i pazienti in terapia intensiva ammontano a 870, cioè 73 in più.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE>>> Omicidio in una ditta: uccide il suo capo e poi prova a togliersi la vita

Covid-19, il parere di Bonaccini

Coronavirus
Stefano Bonaccini (GettyImages)

Stefano Bonaccini, il governatore dell’Emilia Romagna parla chiaro: “I numeri crescono, però stiamo facendo un tracciamento enorme – spiega – e in questo momento non vediamo necessità di altre restrizioni”. Il presidente della Regione si sofferma poi sul tema dei trasporti, quelli che riguardano in particolare modo la scuola. A tal proposito, per diminuire la pressione sul trasporto pubblico locale in piena risalita dei contagi metterà in strada altri 120 bus per il trasporto scolastico in regione. “Avevamo messo 270 bus in più – sottolinea – Adesso ne mettiamo altri 120 e quindi arriveremo a circa 400 mezzi in più tutti i giorni sulle strade – annuncia il presidente della Regione ai microfoni della Tgr Emilia-Romagna – per cercare di diminuire il carico su alcune tratte e alcuni mezzi negli orari di punta”. I nuovi mezzi saranno forniti da ditte private e verranno destinati in base ai problemi rilevati sui territori.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE>>>Laura Chiatti bella come non mai lancia il suo messaggio: ubriacatevi – FOTO

Covid 19
Covid 19 (foto dal web)

L’Emilia Romagna ha messo a disposizione dei cittadini i test sierologici rapidi nelle farmacie. Solo lunedì circa 10 mila persone, tra studenti e adulti, si sono recati a farlo.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine Facebook, Instagram e Twitter