Impianto fotovoltaico più grande del Mondo: l’ambizioso progetto australiano

In Australia è stato attivato un ambiziosissimo progetto in tema di energia rinnovabile: in procinto di essere costruito il più grande impianto fotovoltaico del pianeta.

Pannelli solari
(Getty Images)

È sempre maggiore l’attenzione posta sulle energie rinnovabili. Sostituire il carbonio con fonti inesauribili è l’obbiettivo in cima alle liste delle Agende Governative di tutti i Paesi. La neutralità climatica è la meta cui ambiscono le nazioni per eliminare le emissioni di gas serra derivanti dai combustibili.

Una conversione, ovviamente, non facile considerato il grado di affidamento sul materiale estratto e sui costanti sovvenzionamenti di cui sono destinatarie le industrie del settore.

Eppure la voglia di salvare il pianeta supera gli interessi, almeno in alcuni. È il caso dell’Australia dove è in procinto di essere costruito il più grande impianto fotovoltaico del Pianeta che sarà visibile perfino dallo spazio. Una struttura che sorgerà in Oceania, ma che rifornirà Singapore.

Leggi anche —> Energy4Blue nelle Eolie: il programma per salvare l’ecosistema marino dell’Arcipelago

Australia, impianto fotovoltaico più grande del Mondo: progetto per l’installazione di 22 milioni di pannelli solari

Pannelli solari
(Getty Images)

Un parco solare in grado di sprigionare 10GW di potenza e che fra sette anni potrebbe essere la fonte energetica anche di altri Paesi. Questo l’ambizioso progetto australiano che si è prefissato quale obbiettivo quello di costruire un sistema che dovrebbe estendersi per 12mila ettari e ricomprendere al suo interno 22 milioni di pannelli. Un progetto talmente mastodontico che sarà ben visibile dallo spazio. Il proposito è, quindi, quello di realizzare una rete che nei prossimi anni addirittura servirà Paesi anche al di fuori dei confini continentali. Per il momento però il piano è quello di realizzare un’alta tensione lunga quasi 4mila chilometri che giunga sino a Singapore riuscendo a coprire un quinto delle sue esigenze. Un ulteriore passo avanti dell’Australia che si riconferma al vertice delle energie green.

Stando a quanto riporta la redazione di Rinnovabili,it, questo progetto non è di nuova ideazione. Già dallo scorso anno se ne era parlato, ma questo luglio però avrebbe ricevuto la certificazione di major project dal Governo. Un riconoscimento che ne attesta la sostenibilità e l’importanza non solo a livello ambientale. Questo status, inoltre consentirà uno snellimento delle procedure, rese più agevoli dall’Agenzia per la facilitazione dei grandi progetti.

La redazione di Rinnovabili riporta le parole del Ceo di Sun Cable, la costruttrice. David Griffin avrebbe annunciato il deposito della documentazione relativa alla tutela ambientale. Un punto nodale, perché considerata l’estensione che dovrebbe avere l’impianto prima è necessario comprendere quali potrebbero essere i rischi per la natura.

Il luogo individuato come sito si troverebbe a Newcastle Waters. Una location dove non solo l’impianto riuscirebbe a rendere nel suo massimo, ma anche perché accanto ad una ferrovia il che agevolerebbe di certo i trasporti dell’immane mole di materiale utile ai fini della costruzione.

David Griffin, riporta la redazione di Rinnovabili, avrebbe chiosato affermando che quella della sua azienda sarà la più grande al mondo. Un record che surclasserebbe quello attualmente detenuto dalla centrale del Rajasthan di ben 300 volte.

Leggi anche —> La Grande Barriera Corallina australiana dimezzata: il recente studio degli esperti

Pannelli solari
(Getty Images)

Il progetto dell’impianto, come specificato, non soltanto sarà determinante per l’ambiente ma anche per il comparto lavoro australiano. Si stima infatti che saranno oltre 1.500 i posti di lavoro a cui se ne sommano altri 10.000 de relato, ossia connessi trasversalmente alla sua costruzione. A progetto terminato i posti fissi saranno 350.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine Facebook, Instagram e Twitter.

M.S.