Russia, giovane madre uccide la figlia di 3 anni e poi prova a togliersi la vita

In Russia, una giovane madre avrebbe ucciso a martellate la figlia di 3 anni e successivamente avrebbe provato a togliersi la vita.

Ambulanza Russia
(Getty Images)

Avrebbe ingerito una massiccia dose di antidepressivi dopo aver ucciso la figlia di soli tre anni colpendola ripetutamente con un martello. Questo è quanto avrebbe messo in atto una giovane madre che sarebbe ora ricoverata in ospedale a Kirovgrad, in Russia. Il terribile omicidio, avvenuto lo scorso 16 ottobre, sarebbe stato scoperto dal padre della vittima, nonché marito della 25enne. L’uomo, ritrovatosi davanti alla terrificante scena, ha chiamato i soccorsi che non hanno potuto far nulla per la bambina. La madre è stata trasportata in ospedale, dove sarebbe ricoverata in gravi condizioni e piantonata dalla polizia che ha avviato le indagini.

Leggi anche —> Usa, poliziotto spara contro auto durante controllo: ucciso ragazzo 19enne

Russia, giovane madre uccide la figlia di soli tre anni e poi prova a togliersi la vita: ricoverata in ospedale

Polizia russa
Polizia russa (Getty Images)

Una giovane madre avrebbe provato a togliersi la vita ingerendo una massiccia dose di antidepressivi dopo aver ucciso la propria figlia di soli tre anni. La drammatica vicenda sarebbe avvenuta nei giorni scorsi a Kirovgrad, cittadina della Russia siberiana. A lanciare l’allarme, come riporta la stampa locale ed il quotidiano britannico The Sun, sarebbe stato il padre della piccola che, rientrato a casa, ha ritrovato la moglie e la figlia esanimi sul pavimento. Presso l’abitazione sono arrivati i soccorsi, che non hanno potuto far altro che constatare il decesso della piccola, colpita con numerose martellate. I medici hanno, invece, trasportato la donna, ritrovata ancora in vita, in ospedale, dove ora sarebbe ricoverata in gravi condizioni e piantonata dalla polizia.

Gli inquirenti, giunti presso la casa dove si è consumato l’orrore, hanno svolto i primi accertamenti ed adesso stanno indagando per chiarire le ragioni e le dinamiche del brutale omicidio. La polizia russa ha ritrovato in casa il martello ancora insanguinato che è stato sequestrato.

La polizia di Kirovgrad ha poi confermato che la madre avrebbe provato a togliersi la vita dopo essersi resa conto di quanto messo in atto. Un suicidio non andato a termine, poiché, interrotto dall’arrivo del marito che ha chiamato i soccorsi. La donna, come spiegato dai familiari, assumeva farmaci poiché affetta da depressione da tempo.

Leggi anche —> Russia, prova a vendere la figlia per comprare un paio di stivali: arrestata giovane madre

Polizia Russia
(Getty Images)

L’accusa mossa nei confronti della donna, come riporta The Sun, è di omicidio di minore e, se condannata, rischia sino a 20 anni di reclusione secondo la legge russa.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine Facebook, Instagram e Twitter.