Gioco d’azzardo e reddito di cittadinanza: indagate venti persone

Gioco d’azzardo e reddito di cittadinanza. Venti persone provenienti dalla provincia d’Imperia, dichiaratesi indigenti, giocavano centinaua di migliaia di euro

Gioco d'azzardo
Gioco d’azzardo online – foto dal web

Si erano dichiarate indigenti tanto da dover richiedere il reddito di cittadinanza, venti persone, originarie della provincia d’Imperia, finite sul registro degli indagati. Tutte incensurate o con lievi reati lievi compiuti in precedenza, giocavano e scommettevano cifre esorbitanti su piattaforme online, ma continuavano a percepire il sussidio statale.

Gli agenti della Guardia di Finanza ipotizzano dunque fonti di reddito occultate al fisco e stanno adesso verificando la provenienza di tali somme così cospicue. Si è potuto risalire all’identità degli indagati grazie ad una serie di controlli incrociati su diverse banche dati. Le venti persone coinvolte, infatti, avevano tutte conti di gioco online che arricchivano periodicamente con ricariche in contanti o bonifici direttamente dai propri conti correnti personali o da carte prepagate.

Per ordine del Gip d’Imperia è scattato il sequestro preventivo delle somme percepite senza alcun diritto (un totale di circa 160 mila euro). Inoltre gli indagati rischiano da due a sei anni per aver addotto dichiarazioni false con lo scopo dell’ottenimento del reddito di cittadinanza.

LEGGI ANCHE —–> Rinvenuto cadavere nel bosco: fatto a pezzi in due buste dell’immondizia

Gioco d’azzardo e reddito di cittadinanza. Casi sbalorditivi

Guardia di Finanza di Trento (foto dal web)
Guardia di Finanza (foto dal web)

Un uomo di Ventimiglia ha sostenuto di avere una giacenza sul proprio conto corrente di 242 euro, eppure tra il 2017 ed il 2020 ha giocato somme che ammontano a 1,6 milioni di euro. Una donna, di 61 anni, sempre di Ventimiglia, giocatrice incallita, ha vinto oltre 170mila euro tra il 2017 ed il 2020; ha attuato una truffa, in accordo con il marito, dichiarando di vivere da sola, modificando lo stato di famiglia, per poter percepite il reddito di cittadinanza, evitando di dichiarare la pensione del marito. E ancora, un’altra donna di Diano Marina ha confermato una giacenza media sul proprio conto corrente di 117 euro, era però in grado di scommettere 960 mila di euro, continuando a percepire il reddito di cittadinanza.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine Facebook,Instagram e Twitter