Covid19. Nuovo DPCM in arrivo. Cosa dobbiamo aspettarci

Covid19. Data la crescenteimpennata di nuovi contagi, si aspettano nuove misure straordinarie del governo Conte. Cosa aspettarsi

Covid19
Giuseppe Conte (Getty Images)

La crescita smisurata di nuovi casi di contagio sta costringendo il Governo Conte a prendere repentine misure straordinarie. L’istituzione di coprifuoco nelle ore serali stanno sorgendo a macchia di leopardo su tutto il territorio nazionale.

Dalla Campania, il governatore De Luca chiede un lockdown in tutta Italia e dice: “Noi procederemo nella direzione della chiusura di tutto, per i dati dei contagi che abbiamo le misure in vigore non sono sufficienti. Dobbiamo farlo subito. La situazione è tragica.”

Situazione analoga in Lombardia dove i ricoverati in terapia intensiva sono circa 170. Lockdown dalle 23 alle 5 e centri commerciali chiusi nel fine settimana. Nel Lazio  coprifuoco dalle 24 fino alle 5 e da lunedì didattica a distanza per le scuole secondarie superiori e Università.

Leggi anche >>> De Luca: no alle “mezze misure” sì alle “decisioni forti”

Covid19. Quali sono le aspettative per il nuovo DPCM

Covid19
(foto dal web)

Mentre viene ancora esclusa l’idea di una nuova quarantena generale, si fa sempre più forte l’ipotesi che con il nuovo DPCM, atteso nelle prossime ore, vedremo l’imposizione di un coprifuoco su tutto il terrirorio nazionale e la chiusura generale di bar e ristoranti alle ore 18. Domenico Arcuri, commissario straordinario per l’attuazione e il coordinamento delle misure per il contenimento dell’emergenza COVID-19, informa che già il 15% dei posti disponibili in terapia intensiva risulta già occupato.

A tutti i cittadini si chiedono ulteriori sacrifici. Anche Piemonte e Calabria firmano per l’approvazione del coprifuoco.

Notizie allarmanti arrivano dall’Europa. In Francia si sono registrati oltre 42 mila nuovi contagi in sole 24 ore.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter