Best Panettone of The World 2020, l’oro assoluto è Veneto

È padovana il miglior panettone del mondo. Francesco Luni medaglia d’oro: “Un riconoscimento importante per il nostro territorio”

Best Panettone of the World 2020 (foto dal web)
Best Panettone of the World 2020 (foto dal web)

Erano oltre 300 i professionisti in gara, con delegazioni che arrivavano, fra gli altri Paesi, da Cina, Giappone, America e Spagna ieri alla competizione “Best Panettone of the World 2020” tenutosi a CineCittà. Il concorso internazionale sul lievitato per eccellenza, organizzato dalla Federazione internazionale pasticceria gelateria cioccolateria, cui hanno partecipato numerosi professionisti provenienti da tutto il mondo, ha visto l’Italia rigorosamente sul podio per il prodotto da forno made in Italy.

Francesco Luni, 37 anni, Laurea Magistrale in Tecnologia Alimentare, titolare insieme alla sorella Federica della storica Pasticceria Estense di Padova, da ieri ufficialmente insignito della nomina di Maestro, ha ottenuto il massimo riconoscimento con il suo Panettone Tradizionale ed essendoci stati dei parimerito, gli è stato conferito l’ORO ASSOLUTO al Campionato del Mondo FIPGC “The Best Panettone of the World 2020”, con tanto di Coppa d’Oro che si aggiunta alla Medaglia d’Oro già assegnata.

Giuseppe Zippo, presidente dell’Associazione Pasticceri salentini di Confartigianato imprese Lecce, ha conquistato invece la giuria del campionato mondiale svoltosi a Roma nella categoria Classico 2020, con un panettone tradizionale glassato ed è stato proclamato Eccellenza pasticceria italiana. Solo l’anno scorso Zippo aveva vinto il secondo posto nella stessa categoria, quindi per lui un ottimo salto in avanti. l montalbanese maître Domenico Lopatriello è infine medaglia d’oro per la categoria Miglior panettone Innovativo 2020.

LEGGI ANCHE -> Quante ne sai sulla pasta? Miti e leggende sul piatto più amato in Italia

La giuria del concorso quest’anno era composta da 4 campioni del mondo di Pasticceria: Roberto Lestani Presidente di giuria, insieme a Matteo Cutolo, Paolo Molinari ed Enrico Casarano. A completare la giuria anche Claudia Mosca, Maurizio Santilli e Gianni Pina, che hanno giudicato il profumo, il taglio, la cottura, il gusto, la sofficità e l’alveolatura, ma anche la qualità delle materie prime scelte, la lievitazione, la presentazione e, non ultima, la capacità del Pasticcere di comunicare il suo prodotto. Le categorie in gara sempre tre invece: Classico, Innovativo e Decorato.

Luni, “Questo Oro Mondiale lo dedico a mio papà”