Microonde: quali sono i materiali che non devi mettere!

Il microonde è, senza ombra di dubbio, uno degli elettrodomestici più presenti in casa. Con questo strumento si può cucinare qualsiasi cosa, ma non tutti i materiali si possono mettere al suo interno. Ma andiamo a scoprire più nel dettaglio come sapere se un materiale può essere messo in microonde.

Microonde
Cosa non mettere nel microonde (structuro-Pixabay)

Ci sono molti materiali che non possono essere messi in microonde. La cosa migliore da fare è controllare sempre sulle confezioni se è possibile cuocere l’alimento anche nel microonde. Nel caso in cui si tratta di confezioni riutilizzabili, ti basterà fare caso ai simboli presenti sul fondo delle scatole.

Per non rischiare incidenti o contaminazioni, però, è importante avere un’idea chiara su quali sono i materiali “permessi”.

Cosa non mettere nel microonde: bandito l’alluminio

Cosa non mettere nel microonde
Evitare vaschette e materiali in alluminio (jackmac34-Pixabay)

Tra le cose da non mettere in microonde c’è l’alluminio. Questo perché, mettendolo nel microonde, si rischia di provocare delle scintille.

Una possibilità molto pericolosa in quanto delle semplici scintille potrebbero trasformarsi facilmente in veri e propri incendi. Evitare assolutamente, quindi, anche i contenitori che possono contenere l’alluminio tra gli strati di materiale.

Vale lo stesso discorso per i contenitori che contengono dei metalli. Non è raro, infatti, trovare dei bicchieri, dei bicchieri, dei piatti e delle tazze di ceramica che hanno delle decorazioni di metallo che potrebbe creare delle scintille una volta messi nel microonde.

Da evitare anche i contenitori portatili per cibo e bevande in plastica. Spesso questi recipienti hanno anche l’alluminio all’interno e, per questo, non vanno messo nel microonde. Nel caso dei recipienti di plastica, inoltre, c’è anche il rischio che possano sciogliersi.

Per poter riscaldare una salsa o un sugo, bisogna sempre fare attenzione a coprire il contenitore. In questo modo si eviterà che gli schizzi vadano a sporcare le pareti interne del microonde. In caso contrario, dovrai perdere tanto tempo per togliere le macchie e sgrassare accuratamente il microonde.

Nel microonde non vanno cotti neanche gli alimenti che hanno la buccia. Banditi, dunque, uva, uova, pollo, salsiccia, patate, ecc. Nel caso, ad esempio, delle uova sode la buccia potrebbe addirittura esplodere.

Altri materiali sconsigliati

Microonde
Evitare il polistirolo (jeanvdmeulen-Pixabay

Sono moltissimi i cibi da asporto che vengono messi in contenitori di polistirolo. Ebbene è assolutamente sconsigliato usare i recipienti in polistirolo per riscaldare il cibo poiché stiamo parlando di un materiale per nulla amico alle onde elettromagnetiche.

Anche il peperoncino è un alimento che non va messo nel microonde. Questo perché, avendo la buccia particolarmente dura, potrebbe dare vita ad una reazione chimica capace di dare vita a onde elettromagnetiche in grado di renderlo molto nocivo.

LEGGI ANCHE –>Vino andato a male: come riutilizzarlo per non sprecarlo

Anche i contenitori dove di solito vanno i cibi da fast food non devono essere utilizzati per riscaldare gli alimenti. Facendolo, potresti correre il rischio di fargli prendere fuoco o che vengano rilasciate delle sostanze dannose all’interno del cibo.

Le buste, siano essere di plastica o di carta, non vanno mai messe dentro il microonde. La plastica potrebbe facilmente sciogliersi e contaminare il cibo. Stesso discorso vale per la carta che potrebbe prendere fuoco.

Sconsigliatissimo anche scongelare la carne nel forno a microonde. Questo perché con il microonde non ci può essere una distribuzione regolare del calore.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter