Proteste contro il Dpcm: da Nord a Sud insorge la polemica – VIDEO

In queste ultime ore, Milano è presa d’assalto dai manifestanti: da Nord a Sud insorgono le proteste contro il Dpcm. Anche a Napoli e Torino si susseguono le rivolte anti-Conte

L’approvazione del nuovo Dpcm ha creato malumori in tutta Italia. Da Nord a Sud, i lavoratori penalizzati dal decreto sono scesi in piazza per protestare. A Milano, nella zona di Corso Buenos Aires, vengono lanciati fumogeni e petardi contro gli agenti. I manifestanti, armati di catene, si stanno spostando verso la sede della Regione Lombardia.

Anche a Torino e a Napoli la situazione sembra essere la medesima. Nel capoluogo campano, la polizia è dovuta intervenire nel corso di una manifestazione a Piazza del Plebiscito. A Torino, momenti di alta tensione a seguito del lancio di alcuni fumogeni, nella zona di Piazza Castello.
Gli agenti stanno operando per fermare i protestanti.

LEGGI ANCHE>  Cinema aperto al pubblico, gestore disattende il DPCM: Restiamo aperti perché

Dpcm: proteste a Milano, Napoli e Torino

Proteste a Milano
Proteste a Milano (web)

Le manifestazioni contro il Dcpm si stano facendo sempre più violente. A Milano, una folla di persone si è radunata presso Corso Buenos Aires, scagliando fumogeni contro gli agenti. Addirittura, i protestanti hanno lanciato una Motolov contro una macchina della polizia, che fortunatamente non è stata centrata.

Il corteo di manifestanti, armati di catene, si è poi spostato verso la sede della Regione Lombardia, dove è scoppiato il caos: lanciati petardi, bottiglie di vetro e pietre. Inoltre, presso Corso Buenos Aires, la folla si è “sfogata” danneggiando lo spazio esterno dei bar e rovesciando cassonetti a destra e a manca. Le forze dell’ordine stanno attualmente tentando di placare la rivolta.

Napoli, protesta contro la chiusura delle scuole
Napoli, protesta contro la chiusura delle scuole (web)

A Napoli, quest’oggi, si è verificata un’accesa manifestazione presso Piazza del Plebiscito. Le persone, al grido di “dimettiti“, si sono da lì spostate davanti alla sede della Regione Campania, mostrando tutta la loro rabbia contro Vincenzo De Luca. Tensione alle stelle fra gli agenti ed i protestanti, che hanno preso di mira anche alcuni ristoranti locali.

Anche Piazza Castello, nel capoluogo piemontese, è stata teatro di pesanti scontri: i manifestanti, adirati per via del Dpcm, hanno lanciato fumogeni e petardi contro gli agenti, che non hanno potuto far a meno di intervenire.
Vetrine di negozi completamente distrutte e, in certi casi, anche furti negli stessi.
La polizia è riuscita a fermare una decina di protestanti.

LEGGI ANCHE> Covid-19, le proteste dei pizzaioli contro le nuove restrizioni

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter.