Charlie Hebdo, la copertina su Erdogan fa infuriare la Turchia: scatta la denuncia

Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan si fa paladino della battaglia contro l’Europa “islamofoba”. Denunciata la rivista satirica di “Charlie Hebdo”

Charlie Hebdo vs Erdogan
Charlie Hebdo vs Erdogan (tgcom24)

Ancora una volta, la rivista satirica Charlie Hebdo torna a far parlare di sé. La controversia, in questo caso, nasce a seguito dell’ultima vignetta satirica, che ha come protagonista Erdogan, presidente della Turchia. Accusato di “islamofobia“, il giornale subirà un procedimento giudiziario: “Il loro obiettivo è seminare odio e ostilità“.

LEGGI ANCHE> Nuovo attacco a Charlie Hebdo: 4 feriti. Operazioni in corso

Charlie Hebdo: Edorgan denuncia la rivista

Nell’ultima vignetta del settimanale, il protagonista è il presidente turco Erdogan. Quest’ultimo viene rappresentato sdraiato sul divano, intento a sollevare il velo di una donna musulmana, la quale regge un vassoio con del vino. Nel sollevare il tessuto, il lato B della donna è completamente scoperto.

Condanniamo con la più grande fermezza l’ultima edizione della rivista francese, che non ha rispetto per alcun credo, alcuna sacralità e alcun valore“: questo è quanto dichiarato dal portavoce di Erdogan tramite un post su Twitter. La vicenda ha fatto scattare un procedimento giudiziario: la Procura di Ankara ha infatti avviato un’inchiesta contro Charlie Hebdo.

attentato charlie hebdo
Attentato Charlie Hebdo (Getty Images)

Ad un clima di critiche ed insulti nei confronti della rivista francese, creatosi all’interno della comunità islamica, si sono aggiunte le parole dello stesso presidente turco. Quest’ultimo, nel commentare la vicenda, ha dichiarato quanto segue: “Non c’è nulla da dire su queste canaglie. La mia collera non è dovuta all’attacco ignobile contro la mia persona, ma agli insulti contro il profeta“.

Tutto il mondo islamico si è schierato a favore della Turchia. Da tempo, infatti, la comunità musulmana è in contrasto con la Francia e con il presidente Macron, proprio a causa dell’attività della rivista. Tra l’altro, il rappresentate dei francesi è stato anche accusato di blasfemia, per aver difeso la vignetta satirica e la caricatura che ha messo in ridicolo il profeta Maometto.

LEGGI ANCHE> Ristampa di Charlie Hebdo delle vignette su Maometto: c’è chi protesta

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter