Blitz della polizia, prestiti con tassi del 120% a ristoratore in crisi

Un 33enne di Catania ha prestato complessivamente 3.500 euro, con un tasso di oltre il 120%, a un imprenditore del settore della ristorazione

Catania, in manette per usura (foto dal web)
Catania, 33enne in manette per usura (foto dal web)

CATANIA – Il Nucleo di polizia economico-finanziaria della Guardia di finanza di Catania ha arrestato il 33enne Giuseppe Luigi Celi per usura, reato aggravato dal metodo mafioso e perché commesso nei confronti di un imprenditore in ginocchio per l’emergenza Coronavirus. L’uomo è stato bloccato dalle Fiamme gialle dopo aver incassato una ‘rata’ del prestito da parte della vittima.

Ha prestato complessivamente 3.500 euro con un tasso di oltre il 120% a un imprenditore del settore della ristorazione in crisi economica, anche per il calo degli incassi legati all’emergenza Covid-19. Questa l’accusa contestata all’uomo.

LEGGI ANCHE -> Aggredita da due rottweiler, grave una bambina di 6 anni

La Procura contesta a Celi, sottoposto alla sorveglianza speciale, di avere avuto “plurime frequentazioni con soggetti appartenenti alle famiglie mafiose del clan Santapaola-Ercolano“.

Catania, in manette per usura (foto dal web)
Catania, in manette per usura (foto dal web)

Durante una successiva perquisizione nella casa del padre dell’arrestato i militari  della Guardia di Finanza hanno sequestrato una pistola e 40 cartucce e lo hanno denunciato per detenzione di armi da fuoco. Il gip ha convalidato l’arresto di Celi ed emesso nei suoi confronti un’ordinanza di custodia cautelare in carcere.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter.