Coronavirus, giovane 34enne muore in ospedale. Il tampone era negativo

Coronavirus: Rovigo, la città è in lutto per la scomparsa di Giacomo Magaraggia, giovane 34enne morto in ospedale. I tamponi davano esito negativo.

Giacomo Magaraggia
Giacomo Magaraggia (foto dal web)

A nulla si sono rivelate le cure rivolte a Giacomo Magaraggia, il giovane 34enne di Rovigo morto in ospedale. Giacomo presentava febbre già da parecchi giorni ma la situazione si è deteriorata nella notte tra venerdì e sabato quando, a causa di un malore, fu portato immediatamente in terapia intensiva. Giacomo però non ce l’ha fatta, morirà dopo qualche ora. A seguito di alcuni casi di positività riscontrati sul posto di lavoro di alcuni  colleghi, nei giorni precedenti il 34enne era stato sottoposto a numerosi tamponi per accertare la sua positività al Coronavirus, ma l’esito dava sempre negativo. Iniziato lo smart working, mercoledì sopraggiungono i primi sintomi; Giacomo continuò quindi a trascorrere le giornate nella casa di famiglia.

LEGGI ANCHE –> Pandemia, aumento dei contagi: la spiegazione di Ilaria Capua

Coronavirus: Giacomo Magaraggia, dai primi sintomi al Pronto Soccorso

Giacomo Magaraggia
Ambulanza Rovigo (foto dal web)

Dai primi sintomi leggeri che non destavano preoccupazione al ricovero: il peggioramento delle condizioni di salute di Giacomo è stato repentino, tanto da non consentire di intervenire prontamente. Mercoledì i primi sintomi leggeri, venerdì – ovvero nella giornata di ieri – scatta l’emergenza. Arrivato in ospedale con il Pronto Soccorso delle ore 18:00 per il giovane non c’era più nulla da fare. Il giovane verrà a mancare 5 ore dopo per arresto cardiaco, lasciando la famiglia – persone note nel territorio locale – nello sconforto, increduli della tragedia che li ha investiti senza preavviso. Una tragedia che ha investito tutta la città.

LEGGI ANCHE –> De Luca show in conferenza tra le polemiche: “E’ cresciuta con latte di…”

Giacomo Magaraggia
Reparto Covid (foto dal web)

La famiglia ed il personale medico si sono riservati di accertare la causa del decesso attraverso l’autopsia la quale potrà confermare l’ipotesi Coronavirus o meno. I genitori ribadiscono quanto forte fosse loro figlio.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine Facebook, Instagram e Twitter.