Effetto Covid sul lavoro, l’area dove si soffre di più

Forte calo dell’occupazione nel 2° trimestre: -1,2 punti in 3 mesi a 57,6%. Al Sud si soffre di più ma è un calo generale

Ministro Economia Gualtieri (Foto)

La pandemia ha portato inevitabili ripercussioni sull’economia con conseguente perdita di posti di lavoro. Secondo la Banca d’Italia il colpo maggiore è stato inferto al Sud. Secondo la Banca d’Italia “L’economia delle regioni italiane”, sottolineando che al Sud “la struttura produttiva è più orientata ad attività maggiormente esposte agli effetti della pandemia (quali i servizi connessi con il turismo) e la composizione dei contratti di lavoro risulta più sbilanciata verso forme di lavoro temporaneo”. La differenza sostanziale tra Sud e Nord è nei contratti. Maggiormente diffusi quelli con più tutele e indeterminati al Nord rispetto al Mezzogiorno d’Italia. “I vincoli ai licenziamenti – scrive la Banca – e l’eccezionale ricorso a strumenti di integrazione salariale hanno contenuto l’impatto sul lavoro dipendente a tempo indeterminato, più diffuso al Centro Nord. Gli ultimi dati, disponibili solo a livello nazionale, suggeriscono un parziale recupero nel numero di occupati in estate, sebbene i margini inutilizzati della forza lavoro restino ampi”.

Leggi anche > Lavoro, blocco dei licenziamenti prolungato

Effetto covid sul lavoro

Conte e Gualtieri cassa integrazione
Il premier Giuseppe Conte ed il Ministro dell’Economia Roberto Gualtieri (Getty Images)

Per quanto riguarda i dati nazionali generali, sono 578.000 posti in meno per colpa del Coronavirus al 30 giugno 2020. Sono nello specifico -154 mila posizioni a tempo indeterminato e -424mila a tempo determinato rispetto allo stesso periodo del 2019. E’ quanto si può leggere nella Nota trimestrale sulle tendenze dell’occupazione del secondo trimestre 2020 diffusa da Istat, ministero del lavoro e delle politiche sociali, Inps, Inail e Anpal. Ciò ha provocato anche la contrazione del Pil di 12,8% nel secondo trimestre. Nel terzo, però, c’è stato un rimbalzo in avanti che ha portato il pil al momento a un -9% rispetto allo scorso anno.

Leggi anche > Ue, 10 miliardi all’Italia per la cassa integrazione

Riforma dell'Irpef: un unico assegno al posto di tanti bonus
Calcolatrice e soldi(foto Pixabay)

Un rimbalzo che il Ministro dell’economia Gualtieri ha definito migliore di quanto stimato dal ministero. La mobilità turistica voluta dal governo nella fase di calo dei contagi ha fatto circolare il virus ma, nel contempo, ha scosso l’economia. Da verificare il quarto trimestre con l’arrivo delle nuove strette. Molto dipenderà da quanto caleranno i dati sui contagi nel mese di novembre.

 

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter