Bonus 500 euro, novità in arrivo per tablet e pc. Cosa cambierà

Bonus 500 euro per tablet e pc, in arrivo tre ottime notizie. Oggi vi spiegheremo cosa cambierà e quando si potrà chiedere l’aiuto

Tutte le novità su bonus, plastic e sugar tax
Pc (foto Pixabay)

In questo ultimo anno abbiamo scoperto la didattica a distanza e lo smart working e così ci siamo abituati a rimanere incollati davanti al pc o al tablet per metà giornata, piccoli e grandi indistintamente. Il mondo virtuale quindi si fa sempre più vivo, ma cosa succede se la connessione è carente? Nessun problema, è uscita la data ufficiale a partire dalla quale si potrà chiedere il bonus Pc e internet da 500 euro, da lunedì 9 novembre l’aiuto sarà attivo. Infratel, la società pubblica che fa capo al Ministero dello Sviluppo Economico, sta gestendo le procedure tecniche per l’erogazione. 

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE>>> Bonus mobilità: primo giorno per richiederlo e già disagi

Bonus 500 euro, tre novità

Per essere esentati dal lavoro non basta avere 55 anni
Giornale e pc (foto Pixabay)

Nel nuovo documento vengono specificate meglio alcune informazioni in merito alla velocità minima che l’operatore telefonico deve offrire affinché possa erogare il bonus al cliente. Si tratta di una velocità minima per il download, pari a 30 Mbit/s nominale e quella per l’upload, pari a 15 Mbit/s. Un’altra novità riguarda il  metodo di misurazione della velocità: diffusione speed test di Ookla. Il terzo punto invece fa riferimento alla fornitura del tablet o del PC necessari alla connessione. Dopo 12 mesi dall’attivazione del contratto effettuato con il Bonus da 500 euro il tablet o il personal computer fornito dall’operatore resterà di proprietà del cliente.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE>>>Bonus per i collaboratori sportivi. Chi può averne diritto e come ottenerlo

Dove acquistare L’altra condizione per accedere ai buoni acquisto è data dalla tipologia e dalla dislocazione degli esercizi commerciali. Deve infatti trattarsi, necessariamente, dei negozi del centro storico aderenti e riconoscibili dall’esposiziione di apposita vetrofania. Per una prima visione d’insieme dei vari punti vendita aderenti, cliccando al link è possibile visionare l’elenco dettagliato e aggiornato. Tale iniziativa, a cui è stato dato il titolo di “Compra e vinci”, rientra nel programma a più amplio spettro “Viviamo il centro”. Come si accede ai buoni shopping fino a 500 euro validi per tutto il 2020: modalità di accesso Una volta superati questi passaggi iniziali, il resto del meccanismo è interamente on-line. Ciò significa che non sono richieste tessere o carte. Infatti, per partecipare, sarà sufficiente collegarsi al sito https://www.vitaincentroapiacenza.com/concorso/. Compilate l’apposito modulo d’iscrizione, con i vostri dati personali. Dopo di che, bisognerà caricare gli scontrini/ricevute fiscali accumulati, comprensivi di numero, data, importo. Per cui, tutti coloro, tra residenti, vacanzieri stanziali e persone di passaggio, avranno titolo per partecipare all’estrazione finale. Sempre che abbiano caricato 20 scontrini validi. La gamma dei buoni Come già accennato, il massimo importo erogabile è un buono acquisto di 500 euro. A seguire: due buoni acquisto di 300 euro, poi tre buoni acquisto di 200 euro. Infine quattro buoni di 100 euro cadauno. Per cui, questa iniziativa può essere interessante per chi avesse comunque necessità, nelle zona sovraindicata, di fare acquisti all’interno delle categorie indicate in elenco. Attenzione però perché sarà possibile partecipare con l’inoltro degli scontrini entro e non oltre le ore 23.59 del 15/09/2020. La comunicazione dei nominativi beneficiari avverrà poi entro il 30 settembre 2020, tramite e-mail. Il “buono acquisto”, previa presentazione dell’e-mail all’esercente, potrà essere speso all’interno di una sola attività aderente. Ma anche in più momenti, sempre entro e non oltre il 31/12/2020. Ecco dunque come si accede ai buoni shopping fino a 500 euro validi per tutto il 2020.
Jeans e soldi (foto Pixabay)

Dei 500 euro previsti dal bonus solo 200 sono destinati a coprire i costi di connessione a Internet veloce, mentre i restanti 300 servono per pagare l’hardware necessario a connettersi. Inoltre gli operatori telefonici sono obbligati a offrire al cliente pacchetti completi di connessione e hardware.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine Facebook, Instagram e Twitter