Sondaggio sul nuovo DPCM: cosa pensano gli italiani

Un sondaggio realizzato da ‘Money.it’ ha messo in risalto come la maggior parte degli italiani siano d’accordo con il nuovo Dpcm del Governo, che divide a zone di colori diversi l’Italia per quanto riguarda la lotta alla pandemia da coronavirus 

Covid, Stato d'emergenza
Giuseppe Conte (web)

Da oggi venerdì 6 novembre l’Italia è stata divisa in zone di colore diverso secondo il rischio più o meno alto della pandemia da coronavirus. Il nuovo Dpcm del Governo italiano è infatti entrato in vigore stamattina e divide le regioni secondo tre colori: rosso, arancione e giallo. Le regioni in zona rossa sono Lombardia, Piemonte, Valle D’Aosta e Calabria; nella zona arancione rientrano Puglia e Sicilia e il resto del nostro Paese è in zona gialla. Secondo il sondaggio indetto dal sito web ‘Money.it’ la maggior parte della popolazione reputa giusta la scelta di Palazzo Chigi con una percentuale del 67%; mentre il restante 21 per cento considera sbagliato dividere il grado di rischio secondo le Regioni.

LEGGI ANCHE -> Nuovo Dpcm, Giuseppe Conte e il Virus: La situazione è questa

Sondaggio sul nuovo DPCM: l’Italia divisa a zone

nuovo dpcm

Durante la primavera scorsa il Belpaese era stato costretto a un lockdown generalizzato con chiusure che riguardavano tutto il territorio italiano. Adesso il premier Conte, insieme al Ministero della Salute e dopo un confronto con i vari governatori, ha dato il via a una chiusura a fasce contraddistinte da un colore diverso. Il motivo è contrastare l’aumento dei contagiati e scongiurare un nuovo lockdown di tutto il Paese. Oggi venerdì 6 novembre il ministro Speranza e i suoi colleghi prenderanno in esame per un lasso di tempo di due settimane 21 parametri, tra cui l’indice Rt (indice di contagiosità del coronavirus) e la situazione nelle terapie intensive, per inserire le Regioni in una zona o nell’altra.

LEGGI ANCHE -> Nuovo Dpcm, la fuga dalla zona rossa continua e arriva la stretta

Speranza
Il ministro Roberto Speranza (GettyImages)

Alla fine dei 15 giorni si valuterà se una Regione potrà rimanere nella fascia attuale, scendere o salire di livello di gravità.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagramTwitter