Anonymous svela la verità sulla morte di Lady Diana

Sono passati 23 anni eppure ancora non si riesce a trovare una spiegazione alla morte di Lady Diana e il famoso gruppo di hacker ‘Anonymous‘ svela che potrebbe avere in pugno la verità.

Lady Diana (Getty Images)
Lady Diana (Getty Images)

Nel corso di tutti questi anni il mistero della morte di Lady D. non è mai stato risolto e ancora oggi se ne parla, per cercare di trovare una spiegazione a quel tragico incidente.

Fino ad oggi si è sempre parlato di una ‘regia segreta’ che avrebbe portato la principessa del Galles nel tunnel della morte, a Parigi.

LEGGI ANCHE –> JOE BIDEN È IL NUOVO PRESIDENTE DEGLI STATI UNITI

La teoria più accreditata è sempre stata quella secondo cui la principessa sarebbe stata incinta di Al-Fayed e per questa ragione uccisa, insieme a lui.

I motivi principali sarebbero sia lo scandalo che avrebbe portato alla Royal Family tale rivelazione, sia il voler impedire che il principe Wiliam potesse avere un fratellastro musulmano.

Ma i sospetti di un presunto omicidio in realtà non sono stati confermati poiché la causa della morte della prima moglie di Carlo risulta ancora essere solamente un fatale incidente.

Nuove registrazioni compromettono la Royal family

Windsor
Royal Family (Foto dal Web)

Anonymus rivela che sarebbe proprio la Royal family la responsabile della morte di Diana. Infatti il gruppo di hacker avrebbe delle registrazioni che incastrerebbero la famiglia. A quanto sembra una dipendente della famiglia reale avrebbe subito una violenza da parte di uno stretto collaboratore di Carlo e così Lady Diana, avendolo scoperto, avrebbe minacciato la Royal family di rivelare l’accaduto.

Lady Diana (Getty Images)
Lady Diana (Getty Images)

LEGGI ANCHE –> JOE BIDEN È IL NUOVO PRESIDENTE DEGLI STATI UNITI, LACRIME IN DIRETTA ALLA CNN

Entrambe le teoria potrebbero essere vere, certo era che la principessa risultava essere scomoda alla famiglia reale.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter