Luca Zaia, minacce di morte per il Governatore: scatta la denuncia

Il Governatore del Veneto, Luca Zaia è stato destinatario di pesanti minacce tramite e-mail: presentata denuncia.

Luca Zaia
Il presidente della Regione Veneto Luca Zaia (Getty Images)

Sempre più complicata la gestione di questa nuova ondata del virus. La curva dei contagi continua a salire e tramite il nuovo DPCM il Governo ha assunto la decisione di suddividere l’Italia in tre zone: gialla, arancione e rossa. In quest’ultima fascia, ad oggi, sono rientrate solo la Calabria, Valle d’Aosta, Piemonte e Lombardia.

Un frangente drammatico in cui grandi responsabilità sono demandate ai diversi Governatori. Qualcuno di essi, però, invece di potersi dedicare serenamente a gestire l’emergenza deve fronteggiare anche i deliri di qualche folle che pensa ad inoltrare minacce ed improperi. È il caso di Luca Zaia, il quale è stato destinatario di un e-mail dai contenuti oltraggiosi.

Leggi anche —> Calabria, Commissario Sanità nella bufera: “Mascherine? Non servono a un c…”

Luca Zaia, e-mail di minacce: “Vorrei spararti in bocca”

Zaia governatore Veneto annuncia lavoriamo su 2 date importanti
Luca Zaia (Getty Images)

Sei sempre e solo un Asino. Vorrei spararti in bocca. Firmato PS”. Queste le minacce di morte rivolte al presidente della Regione Veneto Luca Zaia, stando a quanto rivelato da Il Gazzettino. L’ingiurioso contenuto gli è stato recapitato a mezzo email da un utente che si è firmato con un acronimo. Immediata la denuncia per minacce e diffamazione esposta dal responsabile dell’Avvocatura regionale Franco Botteon. Nell’esposto, riporta Il Gazzettino, si legge che il messaggio risalirebbe al 21 settembre scorso e sarebbe giunto nella casella di posta presidenza@regione.veneto.it alle 20:59, controllata dallo staff del Presidente composto da una decina di persone.

Purtroppo non si sarebbe trattato di un caso isolato. Pare, infatti, che a quella di settembre ne sarebbero seguite delle altre. Anche di queste i responsabili ne dovranno dar conto alla giustizia considerato che è quasi certa la predisposizione di altre denunce.

In passato Zaia era stato nel centro del mirino di alcuni haters. Tramite l’utilizzo dei social network due di loro lo avrebbero riempito di insulti. Una circostanza passata al vaglio della giustizia che li ha condannati entrambi per diffamazione aggravata. Uno di loro si era anche scusato, ma il danno era ormai fatto. Non finisce qui. Un artigiano, nel mese di luglio aveva gravemente offeso il Governatore e per tali ragioni era stato chiamato in Procura per rispondere di quanto compiuto. A novembre dello scorso anno, invece, un cantante rap della zona si sarebbe reso responsabile di un più grave gesto. Il giovane avrebbe, infatti, ritratto il Governatore appeso a testo in giù. Immagine accompagnata dalla didascalia: “Leghista attento, ancora fischia il vento“. Un chiaro riferimento al canto dei partigiani quanto al commento, mentre la rappresentazione grafica richiamava la fine di Benito Mussolini in Piazzale Loreto.

Leggi anche —> Covid Calabria, commissario Cotticelli: “Non sapevo di dover fare il piano per l’emergenza sanitaria”

Coronavirus
Luca Zaia (Getty Images)

Numerosi i messaggi di solidarietà giunti al Governatore Luca Zaia. Tra questi quelli di Alessia Rotta, presidente della commissione Ambiente della Camera dei Deputati. La parlamentare ha scritto: “Volevo esprimere la mia solidarietà a Luca Zaia. Quanto accaduto – riporta Il Gazzettino- è gravissimo e ci auguriamo che i responsabili di tale vile gesto vengono presto rintracciati. In un momento come questo sono necessari cooperazione e rispetto per chi quotidianamente si impegna ad affrontare la crisi sanitaria”.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter.