I System Of A Down insieme dopo 15 anni: due nuovi brani contro la guerra

La band metal dei “System Of A Down” pubblica due nuovi singoli: uniti dopo 15 anni per la guerra in Nagorno Karabakh

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Watch our official video for #ProtectTheLand now at the link in bio. “Protect The Land” + “Genocidal Humanoidz” are available for purchase on our Bandcamp channel to raise funds for the innocent civilians affected by the war happening right now in Artsakh. Band royalties are going toward the Armenia Fund. We realize that for many of you, there are more convenient ways you like listening to music, so please consider the opportunity to download these songs as an act of charity above all else. #ArtsakhStrong #RecognizeArtsakh #PeaceForArmenia

Un post condiviso da System Of A Down (@systemofadown) in data:

Conosciuti con l’acronimo di SOAD, i System Of A Down si sono riuniti dopo 15 anni: la ragione è il conflitto in corso tra Nagorno Karabakh e Azerbaigian. La band metal ha deciso di pubblicare due nuovi singoli: “Protect The Land” e “Genocidal Humanoidz“, prodotti dal chitarrista e cantante Daron Malakian.
Il ricavato dello streaming e delle vendite sarà devoluto all’Armenia Found.

LEGGI ANCHE> Stefano D’Orazio, lo strazio dei Pooh: Ucciso da un bastardo

System Of A Down riuniti dopo 15 anni: ecco il motivo

I System Of A Down
I System Of A Down (Getty Images)

La rock band, vincitrice di numerosi dischi di platino e di un Grammy Awards, ha pubblicato l’ultimo album “Hypnotize” nel 2005. Da quel momento, per alcuni dissidi personali, i SOAD non hanno più lavorato a nessun disco. Ultimamente, tuttavia, si erano diffuse parecchie voci in merito ad un possibile ritorno in studio. E i System Of A Down le hanno confermate, mossi da una causa estremamente delicata: la guerra in corso tra Nagorno Karabakh e Azerbaigian.

L’iniziativa di incidere due singoli è stata presa dal batterista John Dolmayan, ed in seguito è stata accolta da tutti i membri della band, profondamente turbati dai bombardamenti da parte dell’Azerbaigian. “Le aggressioni e le ingiustizie continue contro il popolo armeno in Artsakh e in Armenia da parte dell’Azerbaigian e della Turchia sono una violazione dei diritti umani e un crimine di guerra“. Queste sono state le dichiarazioni di Serj Tankian, cantante dei SOAD.

Ciò di cui abbiamo bisogno in questo momento è che il mondo metta da parte la politica e sostenga l’Armenia” – ha proseguito Tankian. Il gruppo, toccato dal conflitto armato, ha lavorato alla produzione di due singoli, “Protect The Land” e “Genocidal Humanoidz“. Il ricavato sarà interamente devoluto all’Armenia Found.

Nel videoclip di “Protect The Land” sono inseriti stralci delle proteste e dei combattimenti nel territorio di Artsakh. I System Of A Down, mossi da una responsabilità etica e civile, hanno quindi messo da parte i vecchi dissapori per contribuire ad una causa di estrema importanza.
Tutti noi System ci rendiamo conto che questa è una battaglia esistenziale per la nostra gente, quindi è molto personale per noi“.

LEGGI ANCHE> Tiziano Ferro denuncia: Costretto a perdere 40 chili, morivo di fame

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter.