Asia, si pone fine ad un conflitto sanguinoso con la regia di Putin

Asia, è stato firmato un accordo in cui l’Armenia dovrà cedere molti territori all’Azerbaijan: il presidente azero ha dichiarato vittoria

russia
PHOTO/ PETER MUHLY
(Getty Images)

L’Azerbaigian e l’Armenia hanno firmato, sotto l’egida della Russia, un accordo per porre fine alle ostilità nel conflitto del Nagorno-Karabakh, che segna le vittorie militari azere dopo sei settimane di combattimenti mortali. Lo stesso presidente russo Vladimir Putin ha confermato l’accordo entrato in vigore lunedì 9 novembre. Il 9 novembre, il Presidente dell’Azerbaigian, il Primo Ministro dell’Armenia Pashinian e il Presidente della Federazione Russa hanno firmato una dichiarazione che annunciava un cessate il fuoco totale e la fine di tutte le azioni militari nella zona di conflitto del Nagorno-Karabakh dalla mezzanotte del 10 novembre, ora di Mosca ”, ha detto Vladimir Putin, secondo una dichiarazione rilasciata ai media dal lunedì al martedì notte. I belligeranti mantengono le posizioni che occupano alla fine di questo accordo .

Leggi anche > Francia, muore dall’assalto di calabroni

Asia, fine di un conflitto sanguinoso

Covid-19
Putin (Getty Images)

La Russia sta dispiegando quasi 2.000 forze di pace per garantire il rispetto del testo, che prevede in particolare per l’Azerbaigian di riprendere il controllo di diversi distretti che erano fuori dal suo controllo, e il mantenimento di un corridoio di terra che collega i territori ancora sotto il controllo dell’ Armenia. Il primo ministro armeno, Nikol Pachinian, aveva annunciato pochi minuti prima sulla sua pagina Facebook la firma di questo accordo: “Ho firmato una dichiarazione con i presidenti di Russia e Azerbaigian sulla fine della guerra in Karabakh” , qualificandosi questa iniziativa di “incredibilmente dolorosa per me e per la nostra gente” . Il presidente azerbaigiano Ilham Aliev, da parte sua, ha accolto con favore la “resa” dell’Armenia. “Abbiamo costretto il primo ministro armeno a firmare il documento, equivale ad arrendersi”, ha detto in televisione. “Ho detto che avremmo cacciato gli armeni dalla nostra terra come cani, e lo abbiamo fatto”, ha aggiunto.

Leggi anche > Usa, muore per droga: la madre indagata

Armi nucleari
(Getty Images)

Non appena è stato annunciato l’accordo, una folla di migliaia di manifestanti inferociti si è radunata vicino alla sede del governo armeno. Centinaia di loro sono entrati nei locali, sfondando finestre e saccheggiando uffici.

 

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter.