Caffè e post sbornia. Il falso mito che ha ingannato tutti per anni

Caffè e post sbornia. Se avete passato una notte in preda ai fumi dell’alcol, non sarà il caffè a salvarvi. Parola alla scienza

Caffè e post sbornia
Caffè – Unsplash

Avete partecipato ad una festa da sballo oppure avete annegato i vostri dispiaceri nell’alcol? Non importa, quello che sapete è che vi trovate in un post sbornia. Gli effetti si sa, sono davvero spiacevoli.

La gravità dell’ubriacatura dipende da diversi fattori; il primo, indubbiamente, la quantità di alcol ingerita. Anche il sesso influisce, a quanto pare le donne sono più esposte. Hanno un ruolo inoltre la predisposizione genetica, l’abitudine a bere e l’assunzione eventuale di cibo, farmaci o droghe.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE>>>Vino andato a male: come riutilizzarlo per non sprecarlo

vino
vino rosso (vinotecarium/pixabay)

Con il termine sbornia s’indica una vera e propria intossicazione da alcol, che si riscontra quando nel nostro corpo ce n’è una quantità in esubero e il nostro fegato non riesce a metabolizzarlo. I sintomi possono essere più o meno gravi; si va dal comune mal di testa fino a nausea, vomito, stanchezza, spossatezza, confusione, disturbi del linguaggio e dell’equilibrio ma anche acidità gastrica e disidratazione.

Ci è sempre stato detto che il rimedio migliore a questa condizione sia l’assunzione di caffè. Niente di più sbagliato. Perché? La caffeina è uno stimolante dell’attenzione che viene inibita dall’alcol e ha un effetto peggiore sui sintomi del mal di testa poiché ha un effetto astringente sui vasi sanguigni. Significa, in poche parole, un aumento della pressione e la sensazione di avere un martello pneumatico all’interno del proprio cervello. Il caffè ha inoltre un potere diuretico che porta come diretta conseguenza alla disidratazione, quindi alla sensazione di nausea.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE>>>Il vino rosso, bevanda della salute. Quali sono i suoi benefici

Post sbornia
Birra – Unsplash

Cosa fare quindi nel post sbornia? Bere tanta acqua, fare una colazione leggera a base di frullati, frutta e pane con marmellata o miele, assumere estratto di carciofo e cardo mariano (hiamati anche “pillole per far passare la sbornia”) che si possono trovare in farmacia anche sottoforma d’integratori e fare una leggera attività fisica. Servirà a rimettere  in moto l’organismo, aiutando l’ossigenazione del sangue.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine Facebook, Instagram e Twitter