Ministero della Salute: ritirate dal mercato posate per bambini di noto brand

Nuovo richiamo sul sito del Ministero della Salute: questa volta non si tratta di un prodotto alimentare ma di un lotto di posate per bambini per rischio migrazione di alcuni materiali che rischiavano di entrare in contatto con gli alimenti

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da @haccpsystemgroup in data:

Il Ministero della Salute ha diffuso un nuovo richiamo questa volta di un lotto di posate per bambini a marchio Leonardo per migrazione di piombo al cibo nel cibo. Il prodotto in questione è venduto in confezioni da 4 pezzi (con le classiche forchetta, coltello, cucchiaio e cucchiaino), numero di lotto 48650.

LEGGI ANCHE -> Allerta alimentare: ritirati diversi prodotti da forno per rischio chimico

Il nome del produttore è tedesco, Glaskoch B. jr. Gmbh + Co, mentre la ragione sociale dell’OSA è Glaskoch B. Koch jr. GmbH + CO, nello stabilimento di Industriestraße 23 D a Bad Driburg.

Il Ministero raccomanda di non usare le posate con il numero di lotto segnalato e restituirle al punto vendita d’acquisto per avere un rimborso o un cambio.

Ritirato dal Ministero anche un lotto di paprika dolce con ocratossina A superiore ai limiti di legge

Ritirate posate per bambini (Foto di StockSnap da Pixabay)
Ritirate posate per bambini (Foto di StockSnap da Pixabay)

Oggi il Ministero della Salute ha ritirato anche un lotto lotti di paprika dolce per ocratossina A superiore al limite previsto dal Reg. 1881/2006 e s.m.i.

Il prodotto interessato è venduto dall’azienda Droghe Palma Production Srls nello stabilimento di via Vittorio Veneto 22/A a Marcon nella città metropolitana di Venezia. È confezionato in bustine da 30 grammi (distribuite in scatole da 25 pezzi) con il numero di lotto J20053. La scadenza riportata è al 28 settembre 2024.

LEGGI ANCHE -> Allerta Alimentare. Ritirato prodotto dalla vendita per rischio salmonella

Paprika dolce (Foto di Barbara Rosner da Pixabay)
Paprika dolce (Foto di Barbara Rosner da Pixabay)

Anche in questo caso il Ministero raccomanda di non consumare la paprika con il numero di lotto segnalato e restituirla al punto vendita d’acquisto. Vista l’urgenza della situazione per entrambi i casi riportati non è necessario esibire lo scontrino.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter