Proprietà antitumorali broccoli: la potente azione anticancro

Uno studio di ricercatori, coordinati da un italiano, ha dimostrato che i broccoli hanno delle proprietà antitumorarli. Ecco il motivo.

Proprietà antitumorali Broccoli
Broccolo (Getty Images)

I broccoli appartengono alla famiglia delle crucifere. Sono fra le più importanti delle verdure a foglia verde. Indicati in ogni tipo di dieta equilibrata ed ipocalorica. Contengono un elevata quantità di vitamina C e di beta-carotene ma anche di sali minerali come magnesio, fosforo e ferro. Insomma hanno moltissime caratteristiche e da tempo ormai si è scoperta la loro azione antitumorale; ma vediamo come funziona esattamente grazie ad uno studio pubblicato nel maggio 2019 su The Science. 

Leggi anche >>> Acqua di cottura della cicoria: eccellente toccasana depurativo

Proprietà antitumorali broccoli: ecco spiegato il perché

broccoli
Coltivazione broccoli (Getty Images)

Un gruppo di ricercatori negli Stati Uniti, ha condotto una ricerca, coordinata dall’italiano Pier Paolo Pandolfi, che avrebbe riconfermato ulteriormente le proprietà preventive di questi ortaggi. Nello specifico, lo studio spiega che si tratterebbe di una molecola (la molecola dell’indolo-3carbinolo) in grado di inibire un particolare gene coinvolto nell’insorgenza di alcuni tumori. In questo modo, i ricercatori sono riusciti a bloccare la crescita del tumore, in laboratorio.

Come viene riportato su Humanitas News, la molecola contenuta all’interno dei broccoli, agisce su un gene (Pten) che sarebbe un potentissimo oncosoppressore. Perciò possiamo notare che la sostanza presa dai broccoli non agisce direttamente inibendo la crescita tumorale.

Ti potrebbe interessare anche >>> Un bicchiere di vino rosso al giorno può allungare la vita, a dirlo è la scienza

Proprietà antitumorali Broccoli
Verdure (Getty Images)

Lo studio condotto da Pandolfi e dal suo team ha mostrato che un gene coinvolto nello sviluppo dei tumori (Wwpl), produce un enzima in grado di arrestare l’attività di Pten, impedendogli quindi di  fungere da oncosoppressore. Si è visto anche come l’indolo-3carbinolo sia in grado di “disattivare” Wwpl in modo tale da poter restituire a Pten il suo ruolo protettivo.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine Facebook, Instagram e Twitter.