Esplosione a Gedda, attacco terroristico: presente anche console italiano

Diverse persone sono state ferite a causa dell’esplosione di una bomba a Gedda, in Arabia Saudita. Presente anche un console italiano

Cellula anarchica a Roma scoperta grazie all'operazione Bialystock
Esplosione  (foto Pixabay)

Diverse persone sono rimaste ferite mercoledì 11 novembre in un attacco esplosivo al cimitero non musulmano nella città saudita di Gedda. Il fatto è avvenuto durante una cerimonia che ha riunito diplomatici occidentali per commemorare l’armistizio del 1918. Era presente anche il console italiano Stefano Succi. I servizi di sicurezza ha avviato un’indagine sulla vile aggressione durante un raduno di consoli stranieri, ha detto il governo della Mecca, da cui dipende la città santa situata nell’ovest del Paese. Un impiegato consolare greco e un poliziotto saudita sono rimasti leggermente feriti, ha detto il governo in un comunicato. Secondo quanto riferito, anche un britannico è stato ferito, il che non è stato però confermato da parte saudita o britannica.

Leggi anche > Vaccino, il Regno Unito prenota le dosi

Esplosione a Gedda, la condanna dei paesi coinvolti

Coronavirus Lockdown
Il presidente francese Macron (GettyImages)

Questo dramma arriva due settimane dopo un attacco a colpi di coltello nella stessa città, in cui è rimasta ferita una guardia del consolato francese.  Sullo sfondo, la rabbia tra i musulmani per la pubblicazione di caricature del Profeta Muhammad da parte di un giornale parigino. In una dichiarazione congiunta, i consolati rappresentati alla cerimonia di mercoledì, hanno condannato fermamente questo vile attacco contro persone innocenti. Si tratta dei consolati di Francia, Grecia, Italia, Regno Unito e Stati Uniti. ll ministero degli Esteri francese ha condannato fermamente questo attacco e credono che sia collegato a loro. Intanto l’Unione Europea ha chiesto un’indagine rapida e approfondita, mentre il segretario britannico per il Medio Oriente e il Nord Africa ha chiesto a Riyadh di perseguire i responsabili di questo atto vigliacco. Diversi paesi celebrano questo mercoledì il 102 ° anniversario dell’armistizio tra la Germania e gli Alleati, che ha segnato la fine della prima guerra mondiale.

Leggi anche > Covid, medici e infermieri chiedono aiuto

Coronavirus paura Italia mondo problemi gravi
Esplosione (Getty Images)

Sullo sfondo di tutto restano i commenti del presidente francese Emmanuel Macron sul diritto alla caricatura in nome della libertà di espressione che hanno effettivamente acceso la rabbia in Medio Oriente, e più ampiamente nel mondo musulmano.

 

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter