Pandemia, torna a parlare Roberto Burioni: “Basta bugie”

L’Italia è nel pieno della seconda ondata dei contagi, i casi aumentano e i morti anche. Eppure c’è ancora chi nega la pandemia, a queste persone risponde Burioni

Covid
Covid (Pixabay)

Roberto Burioni, virologo dell’università Vita Salute San Raffaele, dopo l’aumento dei contagi, l’incremento dei numeri in terapia intensiva e dei morti negli ultimi giorni, ha deciso di pubblicare un post su Facebook dove ribadisce ancora una volta la sua opinione. “Alcuni dicono che i pronto soccorso sono affollati da persone in preda al panico, e può essere vero – afferma-  Ma quelle centinaia di persone che finiscono ogni giorno al cimitero a causa di Covid-19, sono spinte dal panico? Basta bugie. Basta bugie. Basta Bugie”.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE>>>Il premier Conte su ipotesi nuovo lockdown: “Governo a lavoro per scongiurarlo”

Pandemia, qual è la reazione contro Burioni?

Coronavirus Covid-19 bollettino
ospedale (Getty Images)

Non tutti hanno accettato quello che ha scritto il virologo Burioni sia su Twitter che sul suo profilo Facebook. Non stiamo parlando di negazionisti, ma di operatori sanitari che lavorano all’interno degli ospedali e in particolare nei pronto soccorso. Così proprio l’azienda e l’ateneo con cui collabora il virologo ribadisce: “In merito al tweet postato questo pomeriggio dal professor Roberto Burioni, nel quale si fa riferimento ai pronto soccorso, il Gruppo San Donato e l’università Vita-Salute San Raffaele” di Milano “si discostano dal pensiero del professore”. E poi continuano: “In quanto le sue considerazioni sono del tutto infondate dal momento che non è a conoscenza della realtà clinica che si vive nei pronto soccorso e nei reparti Covid”.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE>>>Scontro tra virologi, per Burioni i “cimiteri sono pieni”. Bassetti è contro l’allarmismo

 


“Pur riconoscendo l’autonomia di espressione, il Gruppo San Donato e l’università Vita-Salute San Raffaele lo invitano a considerazioni più rispettose della verità e del lavoro altrui”. Concludono i diretti interessati.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine Facebook, Instagram e Twitter