Allerta Alimentare, nel mirino una delle spezie più comuni

Allerta Alimentare: il Ministero della Salute ha lanciato l’allarme contro una spezia che sarebbe altamente pericolosa. Cosa fare per evitare di compromettere la propria salute.

Paprika
Paprika (pixabay)

Fin dai tempi più remoti sino ad oggi, le spezie sono consumate quotidianamente. I protagonisti di alcune pietanze – come il riso o il pollo al curry – le spezie sono amate. Alcune sono più famose, altre meno note ma tutte arricchiscono i piatti con un tocco etnico molto apprezzato. Utili anche per salute, le spezie presentano infatti tantissime proprietà conosciute fin dai tempi antichissimi. Le spezie sono preziose.

Il Ministero della Salute ha lanciato tuttavia l’allarme contro una particolare spezia: si tratterebbe della paprika dolce del marchio Droghe Palma. Sebbene la scadenza fosse nel 2024, il lotto è stato ritirato, Il motivo? L’Ocratossina A, presente oltre il limite previsto dalla legge. L’allarme è stato subito rivolto ai consumatori: chi ha acquistato queste bustine da 30 grammi cadauno, ha diritto ad un rimborso purchè si restituisca il prodotto del lotto da ritirare dal mercato. Nel caso di consumo della paprika suddetta, ritenuta dalle analisi pericolosa, basta rivolgersi al medico di famiglia per fare le opportune cure ed intervenire tempestivamente.

LEGGI ANCHE -> Grigliata di carne, i tagli migliori e le salse d’accompagnamento 

Allerta alimentare, cos’è la Ocratossina

Paprika
Paprika (pixabay)

L’ocratossina è una sostanza dannosa che oltre i limiti previsti dalla legge può compromettere la salute dell’uomo. Gli effetti cancerogeni della sostanza sugli animali è stata accertata, sull’uomo non vi sarebbe ancora tale certezza. Tuttavia, l’ocratossina può danneggiare il Dna ed i reni ne sarebbero fortemente compromessi. L’ocratossina si trova anche in altri alimenti quali cereali, formaggi e nella frutta sia fresca che secca, il segreto è non abusarne. La legge ne ha previsto un limite entro il quale può considerarsi tollerabile per l’organismo.

LEGGI ANCHE -> Cosa comprare al mercato a Novembre: frutta e verdura di stagione

Paprika
Paprika (pixabay)

Considerare sempre le conseguenze dannose che possono derivare dal consumo di un alimento; quotidianamente documentarsi ed accertarsi che il prodotto sia idoneo e privo di conseguenze deleterie.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter