Anpal, il 25% dei beneficiari reddito di cittadinanza ha avuto un contratto

Anpal, il 25% dei beneficiari reddito di cittadinanza ha avuto un contratto di lavoro. Si tratta di 352.068 beneficiari

Mutui e finanziamenti: con il Covid boom di surroghe
Accordo di lavoro (foto Pixabay)

Il tanto criticato reddito di cittadinanza, forse più per questioni politiche che nella sostanza, ha prodotto qualche risultato anche sul campo lavorativo. Si è criticato tanto l’aspetto assistenziale, che in realtà, con il dramma economico conseguente alla pandemia è stato un intervento che ha aiutato, se non altro perchè il governo ha potuto tenere conto di soldi già stanziati per la lotta alla povertà. L’Anpal, ha dichiarato che il 25% dei percettori del reddito di cittadinanza ha trovato lavoro. Si tratta di 352.068 beneficiari pari al 25,7% di 1.369.779 di persone tenute a firmare il Patto per il lavoro. Il 15,4% dei beneficiari ha stipulato un contratto a tempo indeterminato, il 4,1% un contratto di apprendistato mentre il 65% ha avuto un contratto a termine.

Leggi anche > Alitalia, prolungata la cassa integrazione

Reddito, lavoro e il dato sorprendente

Scoprono dalla busta paga di essere in cassa integrazione
Riunione di lavoro (foto Pixabay)

Inoltre, il dato che più sorprende è che potrebbero essere attivati 1,8 milioni di posti di lavoro ma ciò non avviene perchè mancano le competenze. Lo ha dichiarato il presidente dell’Anpal, Domenico Parisi, in una audizione alla Commissione Lavoro della Camera. “1,8 milioni di posti disponibili -ha affermato – non possono essere colmati perché mancano le competenze”. Per quanto riguarda le aree territoriali, facendo un distinguo per regioni la percentuale dei beneficiari che hanno trovato lavoro suddivisa tra le regioni è la seguente: il 47,5% è la porzione più alta nella Provincia di Trento mentre la bassa è il 19% in Campania. Seguono il 35,8% in Veneto, al 37% in Emilia Romagna e al 31,1% in Lombardia. Hanno una percentuale inferiore alla media nazionale (25,7%) sui contratti oltre alla Campania, la Sicilia (19,2%) e la Calabria (24,1%).

Leggi anche > Rider, arriva il contratto

Il bonus da 600 euro per il mese di aprile a breve sui conti degli avvocati
Lavoro da remoto (foto Pixabay)

Un dato questo che capovolge sotto questo aspetto un’altra “accusa” che viene mossa ai sistema del reddito di cittadinanza. Secondo alcuni pareri il reddito favorisce il Sud, ma i dati dell’aspetto lavorativo indicano invece il contrario.

 

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter