Fabrizio Pregliasco, la biografia del noto virologo: età, carriera e vita privata

Chi è Fabrizio Pregliasco, il noto virologo divenuto una delle voci più autorevoli sulla gestione dell’attuale emergenza sanitaria da Covid-19: la sua biografia.

Fabrizio Pregliasco chi è biografia virologo
Il virologo Fabrizio Pregliasco

Il professor Fabrizio Pregliasco dall’inizio dell’emergenza sanitaria da Covid-19, è divenuta una delle personalità più presenti all’interno delle trasmissioni televisive. A determinare tale richiesta di certo la sua comprovata esperienza e preparazione nonché le eccellenti doti comunicative. Un virologo di indescrivibile caratura che ha, da subito, conquistato la fiducia degli italiani attraverso il piccolo schermo, pur essendo totalmente estraneo a tale mondo. Ma chi è Fabrizio Pregliasco? Cosa si sa della sua vita privata?

Leggi anche —> Il virologo Pregliasco: “La terza ondata arriverà a febbraio, necessario prepararsi”

Fabrizio Pregliasco, carriera: la biografia del noto virologo

Covid Pregliasco nuova ondata possibile ecco perché serve prudenza
Professor Pregliasco (foto dal web)

Il professor Fabrizio Pregliasco, nato a Milano l’11 novembre 1959, nonostante la grande fama raggiunta è un uomo molto riservato. Della sua vita privata non si conoscono numerosi dettagli. Di certo ad essere noto è il suo brillante percorso professionale. Stando a quanto riferito dal sito Biografieonline.it, sin da piccolo ha mostrato grande attitudine verso lo studio, una qualità che nel 1986 lo portò a laurearsi in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli Studi di Milano ed a scegliere quale specializzazione Igiene e della Medicina Preventiva, conseguita poi nel 1990. A questa nel 1994 si aggiungerà anche quella in Tossicologia.

L’anno di vera svolta per il professor Pregliasco è, però, il 1987 quando entra nella fondazione Istituto Sacra Famiglia Onlus con sede a Cesano Boscone. Nell’arco di soli 8 anni, infatti, ne divenne Direttore riporta Biografieonline.it. Un uomo eclettico, non solo medico ma anche un gran conoscitore di aspetti manageriali relativi alla gestione delle risorse sanitarie. Tutte capacità che gli sono valse anche la nomina come consulente del Consiglio Nazionale dell’Economia e del Lavoro (CNEL) nonché del Consiglio Nazionale del Terzo Settore.

Una scalata al successo la sua, tutta meritata e frutto di immani sforzi. Nel 2013 diviene presidente Nazionale dell’Associazione Nazionale Pubbliche Assistenze (ANPAS), carica ancor oggi detenuta. Dal 2015 è anche Direttore Sanitario d’Azienda dell’Istituto Ortopedico Galeazzi.

La sua figura, dall’inizio dell’emergenza Covid-19, è divenuta di fondamentale importanza. Oltre cento le sue pubblicazioni in materia, nonché richiestissima la sua persona in convegni internazionali. Attivissimo nel proprio campo e sapiente conoscitore della materia è stato insignito anche dell’ambito premio Unione Nazionale Medico Scientifica di Informazione. Fabrizio Pregliasco è stato anche nominato perito nel caso dei decessi avvenuti al Pio Albergo Trivulzio. Per chi non lo ricordasse si tratta della RSA milanese al centro dell’attenzione da parte della magistratura per l’innumerevole numero di decessi registratisi al suo interno.

Vita privata

Fabrizio Pregliasco, nonostante la grande attenzione mediatica, è un uomo riservatissimo. Della sua vita privata si conosce ben poco. Ad essere note solo alcune sue passioni, riporta il sito Biografieonline.it, come quella per il volontariato. Anche i suoi profili social parlano esclusivamente del suo lavoro.

Leggi anche —> Pandemia, il virologo Pregliasco: “Seconda ondata peggiore della prima”

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Fabrizio Pregliasco (@preglias)

Un riserbo che ancor più lascia comprendere la grande professionalità del professore che in questo delicato frangente si attesta sempre più come un’eccellenza della medicina italiana.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter.