Ragazza con la pancia sempre gonfia: la scoperta è sconvolgente

In un piccolo comune nella provincia di Bari i medici fanno una scoperta incredibile che spiega la causa della pancia gonfia della giovane.

operazione
operazione (GettyImages)

Una giovane ragazza barese si è resa protagonista di un intervento da record. Accusava da un po’ di giorni sempre dolori e un gonfiore alla pancia che non riusciva a spiegarsi. Al punto che ha eseguito diversi controlli e analisi per scoprire l’origine del suo malessere.

Dopo aver scoperto finalmente la causa del suo fastidio si è dovuta operare e ora sembra che sia in buone condizioni di salute.

La donna decise di rivolgersi a uno specialista e andò in cura presso un ambulatorio quando da diversi mesi aveva una distensione e senso di peso addominale.

LEGGI ANCHE –> Pandemia, il paese che sta vincendo il coronavirus

Il suo gonfiore persistente era piuttosto inconsueto e i medici si allarmarono, così dopo diversi controlli scoprirono, attraverso una tac, la presenza di una massa estremamente voluminosa che faceva pressione proprio nella fascia addominale e pelvica.

La scoperta fu inaspettata

ospedale in Italia
Ospedale italiano (getty images)

La paziente ha subito un intervento chirurgico d’urgenza a causa di un tumore ovarico di 20 kg.

LEGGI ANCHE -> Covid, Giuseppe muore in ospedale. Sull’auto arrivano le multe e il biglietto di uno sconosciuto

I medici hanno asportato il tumore e l’operazione sembra essere andata a buon fine, adesso la paziente sta in convalescenza ma risulta essere in un buono stato di salute.

ospedale
ospedale (foto dal web)

I dottori dell’ospedale, dopo questo episodio, hanno voluto ricordare l’importanza dei controlli di routine che permettono di prendere in tempo tumori che altrimenti potrebbero avere risoluzioni peggiori e spiegano come anche un semplice gonfiore alla pancia può essere sintomo di qualcosa di ancora più grave.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter