Pandemia, medico in ospedale con una scritta sul camice contro i negazionisti

Un medico di Giulianova, provincia di Teramo, si è presentato in ospedale con una scritta sul camice del tutto singolare rivolta ai cosiddetti negazionisti del Covid-19.

Medico giulianova negazionisti
(Getty Images)

La tensione è altissima negli ospedali. I medici di tutti i nosocomi di Italia sono sottoposti ad orari di lavoro estenuanti, nessuno escluso. L’apporto di ognuno di loro è di fondamentale importanza. Questi eroi dei giorni nostri quotidianamente fanno fronte ad un’emergenza di immane portata e vivono sulla loro pelle le sofferenze dei pazienti positivi al Covid-19, delle loro famiglie. Sulle loro spalle il peso di centinaia e centinaia di vite umane.

In un frangente così drammatico e sotto gli occhi di tutti, però, c’è chi sostiene che questo virus addirittura non esista. Si chiamano “negazionisti” e le loro posizioni stanno suscitando le indignazioni della maggior parte della popolazione. In primis quella di chi “lotta in trincea”. C’è chi si sfoga privatamente e chi invece ha voluto lanciare un messaggio chiaro. È il caso di un medico di Giulianova, provincia di Teramo, il quale si è presentato a lavoro con una scritta sul camice del tutto singolare.

Leggi anche —> Il ministro Speranza: “Tra pochi giorni potrebbe arrivare il picco della curva”

Giulianova, medico indossa camice con scritta contro i negazionisti: “Vaff***, qui c’è gente che soffre

Covid-19 Europa
(Getty Images)

“Vaff****, qui c’è gente che soffre”, questa la scritta singolare che un medico ha deciso di imprimere sul proprio camice, stando a quanto riporta la redazione de Il Messaggero. Un messaggio di indignazione partito da una persona che quotidianamente combatte contro il virus in prima linea ed indirizzato a chi sostiene che questo nemico in realtà non esista. Si tratta di quelli che sono stati definiti “negazionisti” e che hanno riempito le piazze italiane protestando per una presunta dittatura sanitaria, fondata sul nulla.

Il medico di Giulianova ha postato la foto sul proprio profilo Facebook. Un’immagine che senza mezzi termini invita tutti coloro i quali ritengono che non vi sia alcuna emergenza in corso a “meditare” sulla reale situazione di fatto. Il dottore, attualmente impiegato nei reparti covid, si è fatto immortalare di spalle mentre indossa il suo camice da lavoro appositamente personalizzato.

Il dottore ha affermato: “Lavoro nella Piccola Opera Charitas dove il virus non ci ha risparmiati – riporta Il Messaggero –. Attualmente mi sto specializzando in Geriatria all’Aquila ed è proprio dal capoluogo di regione che mi hanno mandato a Giulianova nei reparti riservati ai casi Covid“. Il medico ha proseguito dicendo di vivere quotidianamente la sofferenza dei pazienti: chi chiede aiuto, chi non riesce a respirare, chi mostra segni di miglioramento ma il giorno dopo sta ancora peggio. A suo avviso negare tutto questo, significa farsi beffa del frangente.

Leggi anche —> Pandemia: un complotto esemplare secondo Fratelli d’Italia

Quanto al suo gesto di grande impatto ha precisato di esserne ben consapevole. Che la sua è stata una protesta significativa e che se ne assume ogni responsabilità, tanto che se potesse tornare indietro lo rifarebbe senza remora alcuna.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine Facebook, Instagram e Twitter.