Lievito di birra scaduto: modi alternativi per riutilizzarlo

Il lievito di birra scaduto può essere riutilizzato per altri usi alternativi a quello comunemente conosciuto in cucina. Vediamo come impiegarlo.

Lievitato (Foto di Andreas Lischka da Pixabay)
Lievitato (Foto di Andreas Lischka da Pixabay)

Durante il primo lockdown si sono utilizzate quantità spropositate di lievito di birra per panificare e cucinare lievitati di ogni sorta. La paura incontrollata di restare bloccati in casa per lungo tempo ha fatto sì che le persone ne acquistassero moltissimo e lo accumulassero in dispensa pensando di terminarlo prima della data di scadenza.

Molto però invece ha passato la data di conservazione prevista dal regolamento di legge e rischia di essere gettato. Esistono però degli usi alternativi che possiamo dare al lievito scaduto al fine di non sprecare questo prezioso ingrediente tanto caro fin dai tempi antichi.

Il lievito di birra – sia fresco che secco – non molti sanno che è un fungo unicellulare (Saccharomyces Cerevisiae) che è ottenuto attraverso la fermentazione. Viene utilizzato per far lievitare il pane o fermentare la birra, infatti in assenza di ossigeno produce anidride carbonica indispensabile per il primo, mentre etanolo per la produzione della birra.

Il lievito di birra fa molto bene alla salute perché contiene proteine in grande quantità (ben 12 g su 100 g di prodotto), tutte le vitamine del gruppo B, minerali come magnesio, fosforo, potassio, ferro, calcio e selenio, inoltre aiuta a combattere l’astenia.

Assunto regolarmente può sfiammare il fegato, aiuta a rimineralizzare e rinforzare capelli, pelle, ciglia, unghie. Molte sono le creme e gli unguenti per acne e dermatiti a base di lievito di birra. Ultimo aspetto da considerare che aiuta a ripristinare la flora batterica intestinale.

LEGGI ANCHE -> Alcuni oggetti da non lavare mai in lavastoviglie: ecco quali sono

Come capire se il lievito è scaduto

Lievito (Foto di Bruno Germany da Pixabay)
Lievito (Foto di Bruno Germany da Pixabay)

Come riconoscere se il lievito che abbiamo a casa è scaduto? Sicuramente il lievito di birra fresco dopo 10 giorni cambierà colore passando dal classico beige a grigio intenso, giallo oppure si potrebbero notare in superficie macchie simili a muffa scura.

Ovviamente appena vedete queste dicromie potete gettarlo via ma se non presenta nessuna imperfezione all’occhio e al naso, si può fare la prova del bicchiere e scioglierne un po’ in acqua tiepida con dello zucchero: se dopo qualche istante farà le bolle significa che il lievito è ancora attivo e si può consumare.

Se vi siete dimenticati un cubetto di lievito di birra fresco o secco in dispensa quindi dopo aver fatto la prova del bicchiere non buttatelo anche se è scaduto, può diventare un valido alleato in casa.

Usi alternativi del lievito di birra

Lievito di birra
Lievito di birra (Foto di Thomas Bock da Pixabay)

Il lievito di birra scaduto è un efficace fertilizzante naturale per vostre piante in particolar modo per i gerani e le rose che pare apprezzino molto questo fungo unicellulare per la loro crescita.

Infatti grazie alle vitamine e ai molti nutrienti che contiene ne stimola la fioritura che così sarò più rigogliosa e brillante. Il suggerimento è sciogliere una bustina il lievito secco o un cubetto di quello fresco in circa 2 litri di acqua e con questa annaffiare all’occorrenza le piante.

LEGGI ANCHE –>Pulizia del viso fai da te: tutti i passaggi necessari per purificare la pelle!

Un altro ottimo consiglio è utilizzare il lievito di birra scaduto per preparare delle maschere nutrienti per il viso ed i capelli. Per ottenere una maschera per pelle mista o grassa versare un cucchiaino di lievito di birra in mezzo vasetto di yogurt naturale.

Il composto va applicato sulla pelle asciutta e mantenuto in posa circa una mezzora prima si sciacquare, mentre sui capelli anche un paio d’ore va bene in modo che la fibra del capello possa assorbirne tutti i nutrienti.

Maschera con lievito di birra (Foto di chezbeate da Pixabay)
Maschera con lievito di birra (Foto di chezbeate da Pixabay)

Sempre per sfruttare le sue proprietà emollienti possiamo prendere sempre un panetto di lievito e scioglierlo in una ciotolina con acqua calda.

Nel momento in cui sarà sciolto aggiungere del miele nella ciotola e con l’ausilio di un dischetto pulito applicare l’unguento nelle parti del corpo in cui abbiamo desquamazioni e dermatiti gravi.

 

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter.