Dramma nel Vibonese, due operai muoiono folgorati

Dramma nel vibonese: stavano lavorando su un ponteggio all’interno del cantiere per la ristrutturazione del Comune di Filogaso

Incidente sul lavoro Castelgomberto (GettyImages)
Incidente sul lavoro Castelgomberto (GettyImages)

Le morti bianche aumentano in Italia nel silenzio. Un nuovo brutto incidente, fatale a due operai, è accaduto a Filogaso, nel vibonese. Stando ad una prima ricostruzione dei fatti, due operai, Vito Iellamo, 42 anni, Gabriel Daniel Pan, 43enni, residenti a San Pietro a Maida, erano al lavoro all’interno del cantiere per la ristrutturazione dell’ufficio del Comune. I due sono rimasti folgorati venendo a contatto con un cavo elettrico ad alta tensione. Le modalità del contatto non sono ancora state chiarite e ci stanno lavorando i militari dell’Arma dei Carabinieri. Inutile il soccorso del 118, accorso sul luogo dopo l’incidente. Sul posto sono arrivati anche il procuratore di Vibo Camillo Falvo e il sostituto Concettina Iannazzo.

Leggi anche > Grave incidente sulla circumvallazione

Dramma nel vibonese

Lavoro nero: un milione di famiglie vive così secondo l'Istat
Lavoro edile (foto Pixabay)

Per quanto riguarda le statistiche sulle morti bianche nel luogo di lavoro, i dati sono allarmanti. Nel 2019 sono stati circa 1000 i decessi. I dati dell’Inail segnalano un lieve calo rispetto al 2018 che però fu un anno tragico per gli incidenti plurimi. Per la precisione, nel 2019, 1089 persone sono morte mentre svolgevano il loro lavoro, mentre 590 mila sono state nello stesso periodo le denunce di infortunio presentate all’Inail. Lombardia, Emilia e Veneto conquistano il brutto primato. Solo in queste tre regioni si hanno quasi la metà delle morti di tutto il territorio nazionale.

Leggi anche > Scontro fatale con il camion

scrivania lavoro
lavoro da casa (deejay/pixabay)

Mauro Rossato, Presidente dell’Osservatorio Sicurezza sul Lavoro Vega Engineering di Mestre, che da 10 anni monitora l’emergenza morti bianche al fine di diffondere la cultura della sicurezza nei luoghi di lavoro, sottolinea che nonostante le leggi e la sensibilizzazione sono ancora troppe le vittime. Nel 2020 c’è stato un incremento del 20% dovuto al Covid-19.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale, seguici sulle nostre pagine Facebook,Instagram e Twitter