Errore di una radio sconvolge il web: “Morta la regina Elisabetta”

Il sito di Rfi commette un errore che manda nel panico il web. Arrivo un annuncio inaspettato: “Morti la regina Elisabetta, Pelè e Edgar Morin”

pele
Pelè (getty images)

Mai commettere un errore che potrebbe diventare una notizia virale. E’ quello che è successo ieri ad un sito radio francese, Rfi, secondo il quale sarebbe avvenuta una strage di vip, molto cari al mondo dello spettacolo e della televisione. La regina Elisabetta, un attore amatissimo come Alain Delon, una leggenda del calcio come Pelè. Tutti morti nello stesso giorno, insieme ad altri personaggi di rilievo storico, come il filosofo Edgar Morin, l’ayatollah Ali Khamenei, l’ex presidente degli Stati Uniti Jimmy Carter e attori come Jean-Paul BelmondoSophia Loren e Brigitte Bardot. Come è accaduto tutto questo?

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE>>>Michelle Hunziker, rivelzione choc a All Togheter Now: “Devo trattenermi dalle lacrime”

Strage di vip: da cosa nasce l’errore?

Edgar Morin
Edgar Morin (getty images)

Il sito di Rfi aveva già preparato diversi ‘coccodrilli’ dedicati a personaggi di importanza mondiale ma decisamente avanti con gli anni, pronti per essere immediatamente pubblicati all’occorrenza. Le diverse notizie della morte di tutti questi vip avevano una caratteristica in comune: delle X al posto dei numeri relativi all’età e alla data della scomparsa. Per un errore, però, tutte le notizie sono state pubblicate allo stesso momento nella giornata di lunedì scorso, finendo addirittura per essere indicizzate su Google. Dopo la gaffe, Rfi ha dovuto pubblicare una notizia per scusarsi.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE>>>Nonno Libero, messaggio agli italiani: “Fate i nordici quest’anno”

 

Per un momento il web è impazzito, un errore ingenuo ha scaturito reazioni contrastanti e irrazionali. Neanche in un’altra vita sarebbe potuta succedere una strage del genere.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine Facebook, Instagram e Twitter