Pompei: gli scavi hanno dato alla luce una nuova e importante scoperta

Pompei: i lavori di scavo archeologico hanno permesso la scoperta di altri preziosi reperti 

ritrovamento negli scavi di pompei
(Getty Images)

Sono stati scoperti, durante i lavori di scavo, i calchi di due corpi perfettamente integri di due uomini; si tratterebbe di un signore quarantenne avvolto in un mantello di lana e del suo schiavo che indossava una tunica.

Il ritrovamento è avvenuto nella grande villa di Civita Giuliana, nella parte nord-ovest di Pompei. La stessa residenza in cui vi era stato già un importante rinvenimento; quello di tre cavalli e di un muro affrescato con un fiore bianco e il graffito del nome di una mummia, probabilmente la figlia dei signori della proprietà.

ll ministro Dario Franceschini e il direttore Massimo Osanna, si dicono particolarmente soddisfatti di questa scoperta; specie quando si consideri come sia stato possibile, dopo più di 150 anni, realizzare dei calchi integrali delle vittime insieme a quanto portavano con sé, prima di essere travolti dalla furia dell’eruzione.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> NUBIFRAGIO A CROTONE, CITTÀ DEVASTATA. DISAGI E PAURA. LE IMMAGINI

Pompei: importante scoperta archeologica nonostante il periodo pandemico

ritrovamento negli scavi di pompei
(Getty Images)

La scoperta dei corpi perfettamente integri di due uomini, durante la fase di scavo sul sito di Pompei, è stato l’ennesimo e stupefacente ritrovamento, dopo quello dei tre cavalli e della parete affrescata, nella residenza di Civita Giuliana.

Si tratta, ricorda il direttore Massimo Osanna, di un palazzo molto ricco e dagli ambienti finemente decorati al di sotto del quale vi si trovava, come “basis villae”, un criptoportico; proprio nella sua prossimità sono state rinvenute le due vittime, probabilmente nell’atto di sfuggire alla tragedia.

ritrovamento negli scavi di pompei
(Getty Images)

Si potrebbe dedurre infatti, spiega Osanna, che i due uomini siano stati investiti dai fumi e dai vapori dell’eruzione intorno alle 9 del mattino del 25 ottobre dell’anno 79 d.C. I lavori, comunque, sono ancora in fase di esecuzione e potrebbero chiarire anche altre particolari circostanze. Si tratta, dunque, di un’importante scoperta anche quando si pensi alle difficoltà inerenti il particolare periodo che stiamo vivendo.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> NATALE AL TEMPO DELLA PANDEMIA, CONTE CI SPIEGA COME SARÀ

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine Facebook,Instagram e Twitter